A seguito della segnalazione di Nicola “news” Losito, ho provato una nuova applicazione per iPad: Astropad. Questa app permette di trasformare il proprio iPad in una tavoletta grafica collegata via wi-fi o via USB al proprio Mac. Non solo! In realtà si tratta di una finestra touch su OS X: basta lanciare “launchpad” su OS X per ottenere una finestra molto famigliare su iPad!

Astropad OS X Touch

L’app lato iPad è gratuita, mentre l’app lato OS X è in prova per 7 giorni, dopodiché, per continuare ad utilizzarla, si dovrà acquistarla al costo di circa 50 dollari.

Astropad Try

L’app è pensata per il disegno a mano libera, espressamente per l’utilizzo con Photoshop, come viene ben indicato sia sul sito ufficiale che nel video di presentazione dell’app. Indubbiamente gli utilizzatori hanno espresso commenti assolutamente positivi: questa è un’app davvero ottima.

Astropad Opinioni Twitter

Nonostante le premesse, ho tentato comunque di utilizzare l’app per il disegno vettoriale con DrafSight, facendo un utilizzo dell’app fuori dall’area di sua competenza. In pratica ho usato una Lamborghini per fare una prova speciale di rally, con gli ovvii risultati.

Una volta avviate le applicazioni su Mac e su iPad, i due dispositivi si collegano velocemente ed apparirà su iPad la riproduzione del desktop presente su OS X.

Astropad OS X Desktop

Sulla sinistra dello schermo dell’iPad è richiamabile, utilizzando il pulsante ad anello bianco, la barra principale dell’app, nella quale viene segnalato l’intensità del collegamento tra i due dispositivi (se collegati via wi-fi) o l’indicazione del collegamento via cavo; i pulsanti per indicare se si utilizza finger o stylus; otto pulsanti configurabili; il pulsanti delle preferenze dell’app su iPad; il pulsante per richiamare i tasti shift, control, option e command della tastiera.

Astropad Barra laterale

La prima cosa da fare per provare ad utilizzarlo con DraftSight (o altri programmi cad) é impostare i bottoni dei comandi, passando dalle preferenze dell’app lato OS X. Purtroppo non é possibile, per ora, utilizzare shortcut con più di una lettera, con eventualmente caratteri speciali. In ambito cad i comandi sono seguiti da invio (o barra spaziatrice) per renderli attivi e, non potendolo aggiungere alla shortcut del comando, ho quindi impostato un bottone con invio e rinominandolo prosaicamente in Invio.
Proseguendo la prova, ho impostando altro bottone con la shortcut “L” e rinominato in linea: sarà quindi possibile disegnare una linea con Astropad su iPad utilizzando DraftSight, usando prima il bottone rinominato Linea e poi il bottone rinominato Invio: un tap per dare il punto di inizio della linea ed un secondo tap per dare il punto di fine e la linea su DraftSight è stata creata.

Astropad_DraftSight

Lo zoom é uno strumento molto utilizzato in ambito Cad e quello offerto da Astropad é davvero intuitivo: pollice fermo sul l’anello bianco descritto in precedenza e pinch to zoom in ed out. Così agendo si attiva lo zoom solo a livello della vista su ciò che accade su OS X e non uno zoom a livello di DraftSight. Lo zoom vettoriale di Astropad (il classico pinch to zoom) in DraftSight non funziona. Per risolvere il problema si possono impostare i pulsanti con “Z” e “D” ed ottenere lo zoom dinamico su DraftSight con la combinazione “Z+invio+D+invio”; appare così il cursore con la lente di ingrandimento dinamico e quindi è possibile procedere con lo zoom dinamico agendo da iPad.

E’ chiaro che l’app non è stata pensata per l’utilizzo con software cad: app specificatamente progettate per questo utilizzo come CAD Pocket (resuscitato dal mio articolo e riscoperto efficiente, tornando alle funzionalità che me lo avevano fatto apprezzare), hanno uno zoom vettoriale naturale (pinch to zoom in/out), una barra degli strumenti di disegno sempre a disposizione nel lato inferiore ed un zoom di ingrandimento che si attiva mentre di utilizza un comando di disegno, utile per centrare lo snap esatto dell’oggetto. Più veloce, più intuitivo, più produttivo.

Giusto per rimanere in tema di Lamborghini fuori pista, ho pensato bene di provarne l’utilizzo con Gimp: il mio utilizzo è limitato al fotoritocco, ben lontano dagli utilizzi ad alto livello visti nel video di presentazione di Astropad.

Le shortcut di default (adatte a Photoshop) sono diverse rispetto a quelle di Gimp: impostando le shortcut su Astropad con quelle di Gimp, i comandi funzionano correttamente. Per esempio, impostando “P” per richiamare lo strumento pennello, viene correttamente eseguito; quando però cerco di tracciare una pennellata, stranamente lo strumento passa ad aerografo. Inoltre, lo zoom vettoriale non funziona correttamente perché il pinch to zoom interviene sulla gradazione di opacità dello strumento. In compenso il pan a due dita funziona correttamente. E’ chiaro che qui il limite è dovuto al particolare funzionamento di Gimp e non da Astropad.

Astropad Gimp

In conclusione, non è un’applicazione che può entrare nel mio workflow per il semplice motivo che il mio utilizzo è su percorsi di prova speciale di rally e questa Lamborghini è più adatta ai grafici professionisti, ai quali è espressamente rivolta, meglio se usata con stylus adatte.

Inoltre, volevo ringraziare i due sviluppatori dell’app che si sono rivelati sempre gentili e disponibili, con interazioni sia via Twitter, sia via posta elettronica.

In ogni caso, sottolineo l’idea geniale dietro a questa app, ben fatta e con un’interfaccia curata. Senza considerare che tramite di essa, OS X diventa touch. Chissà se Apple…

Annunci

Un pensiero su “Astropad

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...