Sono Pro?

Ho da sempre ritenuto SaggiaMente, blog di Maurizio Natali, un punto di riferimento per la mia informazione del mondo Mac.

Il suo recente articolo, in cui Maurizio recensisce il MacBook Pro 13″ 2016 senza Touch Bar, è curato come sempre, ma una parte di ciò che ha scritto ha attirato la mia attenzione e mi ha dato da pensare. Anche troppo…

Tuttavia noto discussioni molto accese in merito al fatto che questi MacBook non siano pensati per professionisti, per cui dico la mia il più brevemente possibile. Da precisini si potrebbe asserire che se si usa un dispositivo per svolgere una professione questo è automaticamente professionale. Per quanto mi riguarda si tratta di una forzatura, perché quando le richieste sono davvero minime qualsiasi computer e persino uno smartphone è sufficiente, ma ciò non li rende professionali. Da sempre si considera Pro l’utilizzo che richiede potenze di calcolo più elevate della media o connessioni e supporti altamente specifici, quelli che, per definizione inversa, non sono necessari all’utente consumer.

Secondo la definizione di cui sopra, se una persona non usa macchine nel proprio lavoro con una potenza di calcolo più elevate della media sta usando macchine consumer. Che professionista è una persona che usa macchine che da sempre non sono considerate adatte ai professionisti per svolgere il proprio lavoro?

Sarà perché mi sento tirato in mezzo ma mi sembra un discorso miope.

Storicamente i computer Apple sono stati i preferiti dai creativi e i MacBook Pro (per rimanere nell’era x86) utilizzati per lavorare in settori quali ricerca, audio, foto, video e animazione. Per come è strutturata l’attuale linea, il 15″ può essere ancora competitivo in tal senso (ma dipende dai software in uso, lo vedremo più avanti), mentre sul 13″ nutro più di qualche dubbio; specie in questa sua incarnazione più economica.

Francamente, i dubbi ce li ho avuti io leggendo queste affermazioni e cerco di dirimere i dubbi di Maurizio in merito.

Cosa si puó fare

Giusto la mattina stessa leggevo l’ articolo di Lucio Bragagnolo di QuickLoox, dall’opinione decisamente più equilibrata, che rende meglio l’idea di cosa una persona può fare con l’attuale “incarnazione più economica” del MacBook Pro. Ci sono altri aspetti molto interessanti nell’articolo di Lucio, ma li tratterò in un post a parte per non uscire dal seminato.

Tornando a ciò che si può fare:

Parliamone con serenità: Jonathan Zdziarski mostra che con un MacBook Pro da sedici gigabyte di Ram si può fare un numero impressionante di cose. Sono uno sprecone di aggettivi, ma stavolta ci sta tutto. Cito dal suo post l’elenco di quello che ha acceso senza che il computer iniziasse a paginare e spostare dati dalla Ram al disco SSD. A me fa impressione.

Non solo a te!

  • VMware Fusion: tre macchine virtuali in funzione (Windows 10, macOS Sierra, Debian Linux)
  • Adobe Photoshop CC: quattro foto da trentasei megapixel multilivello, da oltre un giga ciascuna
  • Adobe InDesign CC: un progetto fotografico di ventidue pagine
  • Adobe Bridge CC: navigazione di una cartella con 307 immagini per 163 gigabyte totali
  • DxO Optics Pro: modifica di una cartella di immagini
  • Xcode: cinque progetti in Objective-C, tutti puliti e con un build nuovo di zecca
  • Microsoft PowerPoint: una presentazione
  • Microsoft Word: quindici capitoli, un file ciascuno, del mio ultimo libro
  • Microsoft Excel: un workbook
  • MachOView: analisi del binario di un daemon
  • Mozilla FireFox: quattro siti differenti in una finestra a testa
  • Safari: undici siti differenti in una finestra cadauno
  • Anteprima: tre libri in Pdf, di cui uno molto pieno di grafica
  • Hopper Disassembler: analisi in corso di un file binario
  • WireShark: acquisizione in corso di dati di rete
  • IDA Pro 64-bit: analisi di un binario Intel a 64 bit
  • Apple Mail: vista di quattro caselle
  • Tweetbot: lettura delle menzioni
  • iBooks: visualizzazione di un libro
  • Skype: collegato e inattivo
  • Terminale: una manciata di sessioni inattive
  • iTunes
  • Little Flocker
  • Little Snitch
  • OverSight
  • Finder
  • Messaggi
  • FaceTime
  • Calendario
  • Contatti
  • Foto
  • Veracrypt
  • Monitoraggio Attività
  • Path Finder
  • Console
  • Probabilmente molto altro di cui non mi sono reso conto

Giusto per correttezza di informazione, sono curioso di provare a ripetere l’esperienza col mio.

Certo, il MacBook Pro 13″ (late 2016) non sarà il computer più adatto per Maurizio e per la sua professione e per altre professioni che richiedono hardware di un certo calibro, ma ciò non toglie che questo Mac ne può eseguire molte di cose che servono ad un professionista, con buona pace del computer top di gamma che un professionista deve (in quanto professionista, come espresso nel suo articolo) acquistare.

Quando sarebbe meglio evitare

E guarda caso, venerdì ho seguito un corso webinar sul BIM. Il relatore era indubbiamente preparato ma anche lui, senza mezzi termini, ha detto chiaramente che al giorno d’oggi nessun professionista utilizza i Mac, visto che Apple è concentrata a vendere iPhone ed iPad.

In effetti, se si guardano le vendite di Apple suddivise per prodotto, la maggior parte dei guadagni arrivano da iPhone.

Ma, perchè c’è sempre un ma, è accaduto qualcosa che ha fatto inciampare (e cadere violentemente) il relatore.

Dopo aver tessuto lodi sperticate del suo portatile che stava usando per il webinar, con Windows 10, processore Intel i7, 32 GB di RAM e scheda video NVidia (non sto scherzando: le ha tessute veramente senza mancare di citare i suoi 1600 CUDA), cercando di rompere il ghiaccio, ha deciso di far partire a video il filmato di una nota parodia su Autocad.

Video bloccato al primo fotogramma e silenzio in attesa che partisse.

È stato appagante cercare il filmato con Safari, guardarmelo sullo schermo esterno collegato al mio portatile mentre sullo schermo integrato ho potuto gustarmi i vari interventi e tentativi per cercare di far partire lo stesso filmato sul computer del relatore.

Il quale è partito quasi alla fine di quello che stavo guardando io.

Sarà stato anche preparato il relatore, ma questo episodio ha gettato una lunga ombra sulla professionalità del suo computer.

Caso reale

Tornando a noi, e con noi intendo le persone che leggono questo blog ed il sottoscritto, la situazione nel nostro angolo di mondo qual’è?

È fatto da professionisti.

Il primo che mi viene in mente è senza dubbio Barbarroja, architetto, che nei commenti a questo articolo ha descritto il proprio setup.

Ecco l’estratto del suo commento:

Nel mio studio usiamo come hardware due iMac 27 5k molto ben pompati, 1 iPad Air e 1 iPad Pro da 9.7, un MacBook Pro 17 del 2010 che presto sostituirò con il nuovo 13, per avere massima portabilitá anche in casa, dove lo collegherò alla bisogna al Cinema Display 24 che ho da un bel po’. Ho una Apple tv che uso anche per presentare i progetti su uno schermo tv 43 pollici, posizionato in sala riunioni. Come software uso Autocad 2016, Maya per il 3D, InDesign per l’impaginazione, pacchetto iWork e Libreoffice per relazioni presentazioni ed altro, Mastro 3k per là contabilità e per i piani di sicurezza nei cantieri. Carta da schizzi e pennarelli per i disegni iniziali di progetto, che amo fare ancora a mano libera, o su iPad Pro con Apple Pencil.

Senza mezzi termini ha puntato sul nuovo MacBook Pro 13″, giusto per fugare i dubbi di Maurizio.

Professione

Non per forza un professionista deve acquistare macchine top di gamma per svolgere la propria professione, rimanendo un professionista. Mi spiace Maurizio darti questa notizia.

Ringrazio le persone citate di seguito che mi hanno aiutato a far chiarezza sul discorso e di cui riporto le parti salienti.

Paolo e Nicola:

Un computer “professionale” è uno strumento avente le caratteristiche necessarie per essere usato in una specifica professione in modo continuativo, con la massima affidabilità e le migliori prestazioni possibili.

Claudia:

Il computer non è professionale, è una macchina che viene riempita di programmi atti a svolgere una o più attività da un professionista

Lucio:

Siccome ogni lavoro ha eguale dignità allora ogni computer sano è solo uno strumento.

E sono proprio le parole di Lucio quelle in cui ho trovato la chiave di volta per interpretare questo mio sfogo1: ogni lavoro ha eguale dignità, indipendente dalla capacità di calcolo del computer con il quale viene svolto.


  1. non ero riuscito a focalizzare quale fosse il problema che mi ha fatto scattare: lo ammetto; ho scritto, scritto, scritto, ma non riuscivo ad arrivare al punto. Fino a qui. 
Annunci

8 pensieri su “Sono Pro?

  1. Parole sante quelle che hai digitato. Anche io seguivo Saggiamente, ma ultimamente lo trovo meno saggio. I ragionamenti di Natali sono da winzozziano, tanto è vero che ci sta ammorbando con il suo “progetto” di assemblaggio di una workstation “cassone” con win10. Sai che gusto!!!! Lo seguirò sempre più di rado. Cosa che non farò con Lucio Bragagnolo, che per me è la ” bibbia” del Mac. Insieme al suo compare Luca Accomazzi, dai tempi di MacWorld. Invece ascolto con interesse il podcast EasyApple che è molto professionale e divertente e l’intramontabile SpiderMac, oltre MArCh naturalmente.
    Tornando a “bomba” confermo che prenderò il 13″ con Touch Bar, ritentenendolo piu “pro” che mai, in relazione al lavoro che devo svolgere per la mia professione.

    1. Grazie mille, Barbarroja, sia per i complimenti che per avermi citato tra i blog che segui!! Molto lusingato!

      Ho seguito blog di Maurizio praticamente dall’inizio, proprio mentre iniziavo a mettere le mani per la prima volta sul Mac e per me è stato un punto di riferimento. Purtroppo è sotto gli occhi di tutti il suo progressivo cambio di rotta.

      Certo, sono concorde con te: Lucio è tutt’altra pasta ed è la Bibbia del Mac; il mio rammarico è non averlo seguito fin dai miei esordi sul Mac..

      Ascolto anche io Easy Apple, da molto tempo: Luca e Federico hanno fatto passi da gigante nel corso degli anni ed è un piacere ascoltarli ogni settimana! Mi permetto di consigliarti anche Digitalia e 2024 per rimanere nell’ambito del podcast italiano.

      Tornando sulla “bomba” che prenderai, lo acquisterai on line o direttamente in Apple Store?

  2. Grazie per i suggerimenti, conosco il podcast Digitalia, anche se l’ascolto di rado, 2024 non l’ho mai seguito. Mi ero dimenticato nella mia lista dei preferiti il blog MacStory di Federico Viticci. Un grande. Per quanto riguarda il Mac, lo comprerò sullo Store on-line.

    1. 2024 è il Podcast che conduce Enrico Pagliarini, de Il Sole 24 Ore, incentrato sulla tecnologia a tutto tondo.

      Beh, il nostro Federico nazionale è un grande, altroché! Per lui nutro un grande rispetto, soprattutto per la sua storia personale.

      Leggevo che stanno iniziando a sbloccare le consegne in questi giorni, per chi ha fatto l’ordine nel periodo appena successivo alla presentazione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...