[macOS] DocFa piegato al Mac

Esser riusciti a portare DocFa su Mac è una vittoria.

Ma la cosa più bella è che si tratta di una vittoria di squadra.

Il classico la lo ha dato Davide Gatti del podcast Survival Hacking fornendo la guida per utilizzare Wine con Docfa per portare quest’ultimo su Mac. A lui vanno i nostri ringraziamenti perché senza il suo intervento non ci sarebbero stati i contributi degli amici che seguono questo blog.

Gli amici, che hanno dato il loro contributo determinante alla riuscita dell’operazione, sono stati Daniele Pasca (che mi ha contattato via mail) e Gianfranco (nei commenti dell’articolo della guida): mi hanno segnalato il problema e grazie a loro siamo arrivati a risolverlo.

Andiamo con ordine

Il problema riguardava solo l’impossibilità di importare le planimetrie su cui tracciare i vani, dai quali dipende anche la rendita catastale.

Il messaggio di errore restituito era questo:

ERRORE DI SISTEMA – Gestione Vettoriale DOCFAV32.dll non correttamente installata. Contattare il Supporto Tecnico

La soluzione sembrava apparentemente insormontabile: ho consultato il nostro supporto tecnico Davide Gatti che mi ha spiegato, in estrema sintesi per non entrare troppo nel tecnico, che per capire da dove nasceva l’intoppo si doveva utilizzare tecniche di trace e debug su una macchina Windows per capire come viene utilizzata la dll e quindi intuire come lo gestisce Wine…

Ero abbastanza sconsolato perché si trattava di andare davvero a fondo nel sistema operativo Windows per riuscire a fare funzionare DocFa su Mac e non potevo esser sicuro di poter riuscire ad arrivare ad un esito positivo.

Fino alla mail che mi ha inviato Daniele Pasca.

Lavoro di squadra

La scintilla che ha dato linfa alle speranze si è accesa quando ho letto la mail di Daniele in cui spiegava che creando un wrap con la versione 4.00.3 il problema dell’importazione della planimetria non si presentava.

A pochi giorni di distanza, Gianfranco ha riportato nei commenti di aver riscontrato la problematica dell’importazione della planimetria e in risposta gli suggerivo di fare una prova creando un wrap con la versione .3 di DocFa ed sucessivamente installarci sopra la .4…

BOOM!

Funziona…

FUNZIONAAAAAA!!!!!!!

Nei commenti Giafranco racconta:

SOLUZIONE!!! Come mi hai suggerito, ho installato il “wrap” con la 4.00.3 e successivamente installato la 4.00.4 e funziona tutto!!! Importa anche i pdf dei docfa esportati con planimetrie e poligoni!!! Grazie mille!!

Ho quindi subito avvisato Daniele, che mi scrive:

Ho appena provato a fare come dici tu…..”per la miseria!!! pare che funzioni…..”
Finalmente il docfa importa le schede da dxf ed esporta il documento in pdf senza problemi.

E non solo! Daniele aggiunge:

Ho appena scaricato la ricevuta (di avvenuta variazione) del primo docfa integralmente compilato su mac.
Ora posso dire che l’esperimento ha avuto esito positivo.

e:

Ancora una precisazione: sulla .3 ho installato la .5 (già che c’ero ho provato con l’ultima versione).

Salti di gioia!

Riepilogo

È molto probabile che la versione 4.00.3 crei correttamente la tabella che indica a DocFa la libreria da utilizzare ed il suo posizionamento all’interno del sistema operativo per la particolare funzione di importazione della planimetria; cosa che con DocFa 4.00.4 probabilmente non è avvenuta visto il messaggio di errore che veniva restituito.

Ma poco importa: ora funziona tutto ed il DocFa è stato piegato a funzionare sul Mac; devo solo aggiornare l’articolo orginale per rendere la guida efficace.

GRAZIE DI CUORE DAVIDE, DANIELE E GIANFRANCO!

Aggiornamento Dic 2019

E su Catalina? Harlock giustamente solleva il problema; provo a dare uno spunto per la sua risoluzione in questo articolo.

13 pensieri riguardo “[macOS] DocFa piegato al Mac

  1. Problemino, non vorrei fare il guasta feste 😉 ma dalla versione nuova di macos (e qui ci si mette anche la Apple) le applicazioni 32 bit non perdono supporto? Qualcuno ha provato wine e docfa con Catalina?

  2. Non sei un guastafeste, anzi! Dubbio legittimo che non mi ero posto: nei miei programmi Catalina arriva sul Mac il prossimo anno… ma hai ragione!

    In questo momento Wineskin pare non funzionare con Catalina.

    Qui si aprono poche alternative: non aggiornare a Catalina; macchina virtuale con Mojave; aspettare che Wineskin venga aggiornato in modo tale che Wine sia a 64bit e faccia girare al suo interno app a 32 bit…

    In attesa di novità, ti ringrazio per la segnalazione: aggiorno l’articolo!

  3. Ciao, non sarebbe più facile usare una macchina virtuale invece di dover combattere con Wine? Mi rendo conto che Wine è molto più leggero, però è anche molto più difficile da configurare e da gestire.

  4. Ciao Sabino!
    Certo che sarebbe più facile! Questa è una soluzione alternativa che permette di avere le stesse funzionalità occupando meno di un decimo dello spazio occupato su disco.

    Nel mio caso, lavorando con un MacBook Pro che ha 128 GB di spazio, riuscire a risparmiare il 10% di esso solo per un’applicazione come il DocFa viene molto comodo; nel caso si disponga di più spazio, si può decidere di utilizzare una macchina virtuale con VirtualBox (soluzione che ho utilizzato fino a poco tempo fa).

    Sempre che si consideri che impiegare tutto quello spazio per il solo DocFa ne valga la pena… 😉

  5. Ciao! scusa, una domanda: dopo aver installato la versione 4.00.3, devo ripetere tutto il procedimento creando un nuovo wrap, installare java e successivamente la versione 4.00.4 o c’è un’altro metodo?
    grazie!

    1. Ciao Giulia, non bisogna creare un altro wrap, ma installare la versione .4 nella stessa cartella della .3
      Se si crea un altro wrap con la .4 non si porta dietro i file di installazione della .3 necessari ad evitare il problema che si crea senza questi file.

  6. Ragazzi buongiorno, io ho installato la versione 3 del DocFa ma non si apre, e tra l’altro non ho capito come installarci su l’ultima (5). potreste gentilmente indicarmi i passaggi?

    1. Ciao Matteo,
      se non si apre la versione 3 del DocFa, installato la versione successiva non migliora la situazione.

      La procedura è la stessa dell’installazione della 3 che hai già seguito: ti consiglio di seguire nel dettaglio la procedura ed anche i commenti all’articolo, che sono molto utili.

      Se non funziona ancora, prova a spiegare che sistema utilizzi, che versione di Winery e i problemi riscontrati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.