Test Geekbench delle versioni 2017 di iMac e MacBook Pro

Il punteggio del test Geekbench è la cartina di tornasole per valutare le prestazioni a livello di CPU dei nuovi Mac: di seguito i risultati dei test multi-core della linea 2017 degli iMac e dei MacBoo Pro.

iMac 2017

iMac 2017 Geekbench

Il 27″ top di gamma (non Pro) con processore i7 da 4,2 GHz arriva al punteggio stratosferico di quasi 18.900 punti, piazzandosi al terzo gradino della graduatoria e lasciando il più potente degli iMac (almeno fino alla generazione 2017) 1.900 punti più indietro: in pratica c’è stato un aumento delle prestazioni del 10%, sempre parlando di capacità di calcolo.

E lì dietro chi compare? Il MacBook Pro 15″ top di gamma, che arriva a 15.500 punti, confermandosi come una workstation portatile a tutti gli effetti.

MacBook Pro 15″ 2017

In fine dei conti, è solo passato mezzo anno dall’ultima volta in cui ho parlato di test Geekbench equesta mi sembra un’ottima occasione per dare una ripassata anche alla situazione dei portatili.

Il risultato, in sintesi è che la versione 2016 dei MacBook Pro è una versiona da dimenticare (almeno per quanto riguarda la CPU), mentre la generazione 2017 ha dato degli ottimi risultati: il MacBook Pro 15″ top di gamma supera con i suoi quasi 15.500 punti il Mac Pro del 2012 con processore Xeon e l’iMac 2017 top di gamma con processore da 3,8 GHz. La versione più potente del MBP 15″ era quella del 2015 con circa 14.300 punti, superato anche dalla versione base con Touch ID dei MBP 15″ 2017.

MBP 15 2017 Geekbenck

La versione 2017 top di gamma si riprende il titolo di arma portatile totale senza dubbio.

MacBook Pro 13″ 2017

Per quanto riguarda la versione da 13″ dei MBP 2017, il top di gamma con processore i7 da 3,5 GHz ha un punteggio di circa 9.600 punti: è veramente ad un soffio dalla barriera psicologica dei 10.000 punti che delimita la fascia cattiveria allo stato solido.

MBP 13 Top 2017 Geekbenck

Molto vicino all’indimenticabile MBP 17″ dell 2011, questa versione del MBP 13″ supera l’iMac da 21,5″ del 2017 versione base non Retina.

La versione base dei MBP 13″ senza Touch ID con i suoi 8.900 punti circa, si porta vicino alla versione base dei MBP 13″ con Touch ID (9.200 punti circa) e lascia indietro tutte le versioni precedenti dei 13″ ed un po’ di generazioni precedenti di Mac Pro.

MBP 13 Base Geekbench

Conclusioni

Tirando le somme, la generazione 2017 degli iMac e dei MBP sono delle ottime macchine, almeno a livello computazionale e di potenza di calcolo.

Mi riservo però di sviluppare ed approfondire successivamente la questione schede grafiche.

 

Apple WWDC 2017 dal punto di vista architettonico

Una conferenza particolare, non solo per aver avuto il piacere di commentarlo in diretta in compagnia di Giovanna ed Alex (si può riascoltare qui la puntata del podcast TechnoPillz), ma anche perché l’ho sentita estremamente piena di informazioni e novità.

Tant’è che ho preferito lasciato un po’ sedimentare le emozioni per riuscendo a fare un punto chiaro della situazione, ascoltare altri podcast per sentire altre opinioni e non perdere perle di saggezza come “[…] con un 27″ puoi solo più giocarci a Tetris […]” 1.

Come l’ultimo keynote degno di nota (era l’anno 2015), parlerò delle novità che possono riguardare il mondo dell’architettura e tralascerò il resto.

Non si può non partire da…

iMac Darth Vader

new_2017 iMac Pro dark grey front

La versione Darth Vader degli iMac: iMac Pro, la cui solo immagine evoca potenza senza pietà.

  • Radeon Pro Vega: rendering 3D in tempo reale e 400 GBps di banda di memoria;
  • fino a 128 GB di memoria RAM. È solo la capacità dello spazio di archiviazione del mio MBPr 13″, giusto per avere un paragone;
  • a proposito di SSD, l’iMac Pro arriva alla vertiginosa cifra di 4 Tera di memoria flash allo stato solido;
  • processori di classe Xeon 8-core, 10-core o udite udite 18-core. Diciotto core. Ci voglio 4,5 CPU i7 per avere lo stesso numero di core.

Devo dire altro?

Sì, devo dire che iMac Pro sarà disponibile da dicembre ad un prezzo di partenza di 5.000 $.

Alto? In questo articolo, Tuan Nguyen di PCGamer ha fatto due righe di conti.

New 2017 iMac Pro accessories

La linea degli iMac normali hanno ricevuto i nuovi chipset Kaby Lake per processori Intel Core i5 e i7 di settima generazione; nuove schede grafiche:

  • Intel Iris 640 dotato di 64 MB di memoria video per il modello base che guadagna l’80% di prestazioni;
  • AMD Radeon Pro serie 500 che possono arrivare per il 5K fino a 8GB di memoria onboard mentre per il 4K fino a 4 GB;

Gli schermi Retina sono più brillanti del 43%; disponibili 32 GB di RAM massima disponibile per la versione da 21,5″ e 64 GB per la versione da 27″ mentre solo a quest’ultima versione ed alla versione da 21,5″ top di gamma è destinato il Fusion Drive di serie.

New 2017 iMac Family

Sono curioso di leggere i primi benchmark, intanto sono stati smontati i primi iMac 2017 rivelando un possibile upgrade successivo al momento dell’acquisto, anche se non è proprio alla portata di tutti…

Realtà aumentata e realtà virtuale

Notevoli passi avanti sono stati fatti in questo senso; non molto tempo fa ne parlavo in un articolo in cui descrivevo come fosse possibile arredare tramite l’utilizzo della realtà aumentata con l’app per iOS Sayduck…

Le novità non è diretta per ora all’utente finale, ma il rilascio con iOS 11 e di ARKit promette bene: ARKit é un fremwork destinato allo sviluppatore che permette di creare l’esperinza della realtà aumentata. In più, ogni dispositivo come iPhone ed iPad sono diventati pronti per la realtà aumentata.

WWDC 2017 Realtà aumentata

Vi lascio da vedere i video della demo della realtà aumentata e delle realtà virtuale: rendono meglio la presentazioni che i fiumi di parole.

iPad Pro, iOS 11 e Pencil: produttività al primo posto

Sono stati introdotti molti miglioramenti e novità in iOS 11, ma la parte più gustosa è stata riservata ad iPad Pro: da compagno per la realizzazione di alcuni aspetti grafici, con le novità apportate iPad Pro alza l’asticella verso l’uso più produttivo e si avvicina molto di più a quello che si può realizzare con un normale computer.

iOS 11 iPad Pro Sketch

I primi, decisivi, passi sono stati l’introduzione di:

  • dock, molto simile a quello esistente su macOS;
  • drag and drop che si sposa con le funzionalità multi touch degli schermi di iPad;
  • Files, gestore di file e cartelle.

La chiave di volta passa da Pencil: la latenza, già molto bassa, è stata ulteriormente ridotta; sfruttabile come una normale penna però tradotta in termini digitali, permetterà di aggiungere evidenziazioni, disegni a mano libera, commenti e firme a documenti PDF, email o note.

Degno di menzione è la possibilità di aprire una nuova nota o modificare l’ultima aperta con un semplice tocco di Pencil sulla schermata di blocco di iPad. Geniale.

Apple Pencil iPad Pro Notes

A stretto giro di posta, Autodesk ha espresso entusiasmo per iOS 11 e le novità introdotte che saliranno a bordo delle sue app, SketchBook in primis, a breve.

Infine, il nostro settore vive di immagini e molte, moltissime fotografie scattate in tantissimi momenti della nostra vita professionale: l’introduzione del formato HEIF in iOS, che promette di occupare metà spazio anche a qualità elevata, è un toccasana per lo spazio di archiviazione dei vari dispositivi.

Varie

MacBook Pro: la linea è stata aggiornata con i nuovi chipset Kaby Lake che si traducono in un aumento di prestazioni, a livello di CPU nel test multi-core, del 20% circa per il modello di fascia alta da 15″ e del 10% circa per il modello base da 15″.

Apple MBP 2017

eGPU, ovvero schede grafiche esterne: alloggiate in un box esterno, dalla primavera del 2018 dovrebbero essere supportate dai MacBook Pro con Thunderbolt 3.

Scansione documenti: dall’app Note sarà possibile scansionare direttamente un documento usando la fotocamera di iPhone o iPad, rilevandone i contorni, ritagliarne i bordi ed aggiustando la prospettiva in modo automatco.

Apple Casa: è l’ app che permette di gestire tutti i dispositivi domotici di casa compatibili con HomeKit: la cosa interessante è che ora HomeKit (framework destinato allo sviluppatore per la gestione della domotica) non necessita di uno specifico chip di autotenticazione sui dispositivi domotici e potrà essere sfruttato ad esempio da piattafome come Arduino o Raspberry Pi. Per un ripasso dello stato dell’arte della domotica, rimando all’ interessante articolo di Chiara Pice di Habitando Cafè.


  1. questo tipo di affermazioni mi mandano in bestia. Già ne avevo scritto tempo fa e non mi sembra il caso di ritornarci, ma queste frasi fanno perdere la credibilità di chi le pronuncia, evidenziandone un netto scollamento dalla realtà. Detto questo, ognuno è libero di far quel che vuole, acquistare la versione rossa del nuovo iPhone 7 per metterlo sotto ad una gamba del tavolo per recuperare la pendenza del pavimento e /o cambiare Mac per sostituire l’arredamento interno della vasca dei pesci messo sul tavolo di cui sopra… 

WWDC 2017: commento live

Questa sera, alle 19.00, Apple terrà l’annuale conferenza dedicata per gli sviluppatori (leggasi programmatori) software: il WWDC 2017.

Lo chiamo il “Natale estivo” perché vengono annunciate novità software, soprattutto, ma anche hardware.

Però quest’anno sarà ancora più speciale per me: sono lieto ed orgoglioso di annunciare che sarò ospite in compagnia di Giovanna nel live streaming del podcast TechnoPillz condotto da Alex Raccuglia ed insieme commenteremo in diretta l’evento Apple.

A differenza di molti altri podcast italiani che commenteranno in diretta il keynote, tendenzialmente tecnici, saremo più diretti e con spirito critico costruttivo, da utenti che utilizzano il Mac tutti i giorni per lavoro e che hanno ben chiaro in testa che non tutto è oro ciò che luccica.

Non mi rimane che darvi appuntamento a questa sera, ore 19.00, sulla piattaforma Spreaker per seguire allegramente insieme il keynote e le novità che verranno presentate: è stato creato un evento sulla pagina Facebook di Runtime Radio, network che raggruppa molti altri interessanti podcast italiani, e lì sarà pubblicato il link diretto per ascoltarci.

Vi lascio il trailer confezionato per l’occasione da Alex in persona.

Apple Park

Non potevo non citare il chilometrico articolo scritto da Steven Levy di Wired: si parla di Apple Park ma soprattutto della visione da cui nasce il nuovo quartier generale di Apple.

Dal punto di vista tecnico ed architettonico, oltre al plauso allo studio dell’Architetto Norman Foster per il progetto, vorrei sottolineare lo sforzo ingegneristico che é stato profuso nel costruire, trasportare e posare le lastre di vetro utilizate nell’Apple Park, con tolleranze vicine a quelle utilizzate nella meccanica fine.

Cito altri dettagli, ripresi dall’articolo:

Hilltop Theater […] 165-foot-diameter glass cylinder topped with a metallic carbon-fiber roof.

Shock Absorbers: To withstand earthquakes, the Ring is mounted on huge steel base isolators that ensure the building can move up to 4.5 feet in any direction without losing its vital services.

Breathing Building: To fulfill Jobs’ wish for a building that breathes, the engineering team consulted with experts who optimize airflow in Formula One race cars. The Ring inhales air through soffits (the undersides of the canopies) along its perimeter. Elsewhere, shafts that act like chimneys exhale warm air back outside.

Solar System: The 2.8-million-square-foot Ring will run solely on sustainable energy, most of it from the 805,000 square feet of solar arrays on the campus.

Giant Doors […] Weighing 440,000 pounds each, they open and close quietly via mechanisms hidden underground.

Native Landscape […] Apple will plant almost 9,000 trees.

In conclusione, vi lascio questo bel video, consigliato dal mio caro amico Nicola Losito.

Una visione che diventa realtà.

Aggiornamento del 29/05/2017

Continuando nella lettura, riporto un altro punto dell’articolo che mi ha colpito molto:

The remaining question was how rain might affect the canopies. “Imagine if you made that mistake, and so you had this building with miles of glass but it would be water-streaked because you didn’t get the design of the canopy right!” Ive says with horror. To ensure water would roll off the canopies rather than staying put (via adhesion), the designers at Apple and Foster + Partners ended up consulting a 1994 study out of the University of Minnesota—“The Teapot Effect: Sheet-Forming Flows With Deflection, Wetting, and Hysteresis”—that informed how the canopies would curve to deflect rain.

Today at Apple

Nella giornata di ieri Apple ha inaugurato il nuovo corso per gli Apple Store: oltre alla futura ristrutturazione interna che porterà gli Store più vicini al concetto inaugurato nello Store di Union Square di San Francisco, sarà possibile, fin da ora, partecipare ad alcuni eventi organizzati dal personale di Apple: Today at Apple.

Segnalo gli eventi, organizzati a Torino nell’Apple Store di via Roma, che spero di seguire a breve perchè credo che saranno utili in ambito architettonico:

Questi, invece, attivi all’Apple Store delle Gru, a Grugliasco (TO):

Davvero un’ampia scelta e variegata.

Mac vs. Istituzioni

Sapete che usare il Mac come macchina principale in ambito professionale architettonico può creare qualche incoveniente, tipo farsi rispondere dall’assistenza dei portali istituzionali con frasi del tipo:

Usa un Mac? Non sappiamo nemmeno come aiutarLa

o scoprire che degli sviluppatori non posso portare avanti un software per Il catasto a livello nazionale per Mac o escludere Safari dai browser supportati per accedere ad un portale web istituzionale.

E come sapete ritengo queste situazioni semplicemente assurde.

Ho recentemente scoperto che, evidentemente, non sono solo io a pensarla così.

L’Ordine degli Architetti di Torino ha pubblicato questa segnalazione, datata 09/02/2017:

Recentemente, è stato ribadito al Consorzio per il Sistema Informativo (CSI) Piemonte il persistere del problema di accesso alla piattaforma MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia) da parte degli utilizzatori di pc MAC. Considerando che una larga parte degli iscritti all’OAT utilizza pc in ambiente MAC, la predisposizione della piattaforma MUDE per soli utenti Windows costituisce un limite notevole, e pone coloro che usano pc MAC nella scomoda condizione di ricorrere a simulatori di ambienti Windows.

Applausi a scena aperta.

Ma c’è ancora molto da fare.

Perseverare è diabolico

Recentemente è stato pubblicato sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate alias Agenzia del Territorio alias Catasto la nuova piattaforma “Scrivania del Territorio”1 :

La Scrivania del Territorio è un ambiente di lavoro che rende disponibile, in un’unica interfaccia sul proprio pc, una serie di servizi per lo scambio di informazioni con le banche dati catastale e ipotecaria dell’Agenzia delle Entrate, con l’obiettivo di semplificare le attività del professionista e stimolarne la compliance.

Wow, dico io!

Finalmente si mette mano al software per il Catasto che attualmente ha le finestre stile Windows 95. Vuoi vedere che per l’occasione si parte bene con un software multipiattaforma e che la larga parte degli Iscritti OAT che utilizzano il Mac possono lavorare in santa pace col Catasto?

No, NO, NO! Il link fa scaricare un file eseguibile!

Ma dico, Santo Cielo, come è possibile, nel 2017, epoca in cui lo smartwatch è il computer da tasca e si stanno sviluppando le Intelligenze Artificiali, che un Ente Pubblico Nazionale possa programmare il rilascio di un software, anzi, una piattaforma funzionante su un solo ed unico sistema operativo, tra l’altro a pagamento? Ma perché?!? Perché????

Stride un po’ con l’obiettivo perseguito e dichiarato di:

semplificare le attività del professionista e stimolarne la compliance.

E non solo: il concetto attaccatialtramefischiaincurvautenteMac è ribadito proseguendo nella pagina dell’Agenzia con la presentazione del Desktop del Territorio:

Il software per l’installazione della “Scrivania del Territorio” è già disponibile per il download.
Progressivamente saranno rilasciate le nuove versioni dei seguenti software, che permetteranno di dialogare con la Scrivania:

  • Docfa, per l’aggiornamento delle unità immobiliari del Catasto dei Fabbricati
  • Docte, per l’aggiornamento delle qualità colturali delle particelle terreni
  • Pregeo, per la predisposizione degli atti geometrici di aggiornamento della cartografia
  • Voltura e istanza titolarità, per l’aggiornamento delle intestazioni e dei diritti iscritti in catasto
  • Unimod, per la compilazione del Modello Unico da inviare per l’aggiornamento del registro e delle titolarità del sistema di pubblicità immobiliare e catastale.

Apparte l’ultimo, che ha un’interfaccia web, non sto neanche a dirvelo su quale sistema operativo questo software possono essere usati.

Distribuzioni GNU/Linux?
Sistemi Unix-like?
macOS?
Sistemi BSD?

Esatto, proprio quello che vi viene in mente.

Sognare non costa nulla

Visto che all’Agenzia fanno orecchie da mercante, mi rimane una sola possibilità: ci vorrebbe qualcuno che smettesse di guardare tabelle con i conti economici sul suo iPad, si alzasse dalla scrivania e mettesse uno sviluppatore in sede all’Agenzia, pagato di tasca propria per evitare situazione del genere. Sì, Mr. Cook, mi rivolgo proprio a Lei.

E nel caso in cui ritenga che comunque sia l’iPad ad essere il futuro e possa essere uno strumento professionale, Le consiglio di affiancare un qualsiasi architetto dotato di Mac e iPad in una qualsiasi giornata lavorativa: potrebbe avere la spiacevole sensazione che nemmeno gli avvitamenti carpiati multipli all’indietro di Viticci2 possano infrangere questo muro di gomma.

E ci tengo a sottolinearlo: sarei il primo ad utilizzare solo iPad nella mia professione fosse possibile; ne sarei davvero felice.

Purtroppo ci sono Istituzioni in Italia che non hanno recepito l’esistenza di Mac o di Linux, nati qualche decennio fa. Figuriamo di iPad…


  1. ma perché, perché, perché chiamarla scrivania? Perché? Visto che funziona solo con Windows il nome appropriato sarebbe dovuto essere Desktop
  2. nutro un profondo rispetto per Federico Viticci: massimo rispetto per le sue capacità, per ciò che è riuscito a fare con il binomio iPad/MacStories ed i risultati ottenuti.