Calibrazione di un MacBook, serve? Aggiornamento di metà 2017

Ci eravamo lascaiti con una promessa, a fine 2016…

Non mi rimane che portare avanti l’esperimento: mesi di utilizzo sportivo e calibrazione.

Ed ecco il risultato, dopo metà anno di uso sportivo:

Calibrazione batteria MBPr giu17

Il risultato, come sempre offerto dalla comoda app Cocnut Battery1, questa volta si scosta molto di più rispetto ai precedenti e quindi sembra proprio che funzioni.
Scrivo sembra perchè i risultati al di sopra della linea media di decadenza della batteria non è continua, anche se praticamente quasi tutti i risultati si trovano al di sopra di essa.
In pratica, nei primi mesi di prova, la calibrazione della batteria non ha sortito alcun effetto di rilievo. Solo dal mese 28 in avanti la procedura di calibrazione ha sortito qualche effetto.

Quindi, l’uso sportivo senza pensieri (collegando il caricatore al MBP quando ne avevo bisogno o quando ne avevo tempo, lasciandolo anche spegnere a causa della batteria esaurita, usandolo durante la ricarica e staccando il caricatore solo a carica completa) non crea danni o problemi, ma dopo qualche mese è necessario dare una regolata al sistema chip/batteria per fargli capire quale è lo stato effettivo della batteria.

In aggiunta, ho eseguito la calibrazione della batteria senza mettere il segno di spunta all’opzione Metti in stop i dischi rigidi quando è possibile come suggerito da Sabino Maggi nei commenti dello scorso articolo; il portatile si è spento a causa della carica della batteria terminata ed essendo successo a fine giornata lavorativa, l’ho lasciato in questo stato durante la notte. Il giorno dopo ho collegato il portatile al suo caricabatteria e l’ho usato fino a quando la batteria non è stata completamente carica. A questo punto ho utilizzato Coconut Battery per vedere lo stato della batteria.

Non si tratta quindi della lunga procedura di calibrazione che utilizzavo con il MacBook Air 13″ (late 2010), ma di una versione ridotta ed a mio avviso molto meno impegnativa.


  1. in questo articolo spiego come far ad ottenene il grafico dello stato della propria batteria 

Calibrazione della batteria di un MacBook: serve? Aggiornamento di fine 2016

Come promesso, ho portato avanti la mia personale ricerca per stabilire se la calibrazione della batteria del MacBook è utile o no.

Ci siamo lasciati ad inizio giugno con queste parole:

Ho intenzione di apportare una modifica all’ultimo punto della procedura: una volta che il portatile sarà completamente scarico ed atteso il tempo necessario, cercherò di caricare il portatile tenedolo spento, senza usarlo. Infatti, precedentemente, ho usato il portatile una volta in carica alla bisogna.

In sordina, ho deciso di rendere più chiaro il risultato, scegliendo di non calibrare la batteria da giugno fino a ieri: in pratica ho usato la batteria in modo mooooooolto sportivo; collegavo il caricatore al MacBook quando ne avevo bisogno o quando ne avevo tempo, usandolo durante la ricarica e staccando il caricatore solo a carica completa. Unica avvertenza: cercare di non far comparire l’icona rossa della batteria nella menu bar, come ha spiegato Nicola nel suo commento di questo articolo.

Quindi, prima di procedere alla calibrazione della batteria, ho provveduto a valutare l’andamento della carica della batteria visualizzando il grafico offerto dalla comoda app Coconut Battery 1

Il risultato mi sembra del tutto in linea con l’andamento del resto del mondo.

MBPr 13" prima della calibrazione fine 2016

A questo punto ho aspettato che si scaricasse nuovamente la batteria, togliendo il segno di spunta dall’opzione Metti in stop i dischi rigidi quando è possibile 2 ed usando il MacBook fino al punto del totale spegnimento.

L’ho lasciato riposare cinque ore.

Dopodichè l’ho messo in carica, senza però aprire il coperchio superiore del MacBook fino a quando il led del MagSafe 2 non è passato al colore verde 3.

Ho nuovamente incasellato il risultato nel grafico offerto da Coconut Battery.

MBPr 13" dopo calibrazione fine 2016

Il risultato mi sembra notevole, nel senso che rispetto a tutti gli altri risultati, questo è quello che si è discostato di più rispetto al risutato atteso ed è quindi degno di nota.

Andare avanti

Vorrei tirare delle conclusioni, ma…

Sembrerebbe che la procedura funzioni, rispetto al normale utilizzo sportivo. Ma credo che sia troppo presto per tirare le fila di tutto questo discorso, almeno per quanto riguarda questo modello di MacBook Pro 13″r (mid 2014): per il MacBook Air 13″ (late 2010) la conclusione è parsa molto più lampante, come si può notare dai risultati pubblicati nel 2015.

Non mi rimane che portare avanti l’esperimento: mesi di utilizzo sportivo e calibrazione.

Aggiornamento del 26/07/2017

Rimando a questo articolo per leggere gli ulteriori e forse definitivi sviluppi dell’esperimento di uso della procedura di calibrazione della batteria con il mio MacBook Pro 13″ Retina (mid 2014).


  1. qui ho spiegato come fare. 
  2. mi chiedo se questa opzione serva ancora con i moderni SSD: entreranno in stop come i vecchi, vetusti, hard disk a dischi rigidi
  3. ehm… come si potrà fare con il nuovo MacBook Pro (late 2016) con Touch Bar? Mah… 

Calibrazione della batteria di un MacBook: serve? Aggiornamento 2016

Ad inizio anno ho cambiato Mac, passando dal mio glorioso MacBook Air 13″ di fine 2010 all’attuale macchina definitiva MacBook Pro 13″ Retina di metà 2014, ed ho mantenuto la consuetudine di calibrare la batteria. Invece di farlo una volta al mese come facevo precedentemente, ho voluto verificare cosa potesse cambiare facendola una volta ogni due mesi.

Il risultato è stato questo:

MBPr13 Battery statement giu2016

Come è possibile notare, la calibrazione della batteria di questo Mac non ha portato sostanziali benefici, come invece aveva apportato al MacBook Air.
Francamente non so se l’inutile effetto della calibrazione della batteria con il MacBook Pro sia dovuto alla relativa giovane età della batteira o ad un diverso tipo di produzione della stessa che non rende utile calibrarla.

In ogni caso, i miei esperimenti non finiscono qui.

Ho intenzione di apportare una modifica all’ultimo punto della procedura: una volta che il portatile sarà completamente scarico ed atteso il tempo necessario, cercherò di caricare il portatile tenedolo spento, senza usarlo. Infatti, precedentemente, ho usato il portatile una volta in carica alla bisogna.

La pulce nell’orecchio me l’ha messa il foglio di accompagnamento della nuova batteria che ho recentemente sostituito all’inossidabile MacBook (quello bianco, di fine 2009): viene consigliato di effettuare 2 o 3 cicli di ricarica completa col portatile spento quando la betteria raggiunge il 7%. Dopodichè viene consigliato di farlo una volta al mese.

E, a proposito di batterie di computer portatili, è interessante leggere i risultati delle prove di Keir Thomas di Mac Kung Fu:

my research has found some surprising factors can dramatically affect battery life.

A tra sei mesi con i miei risultati!

Aggiornamento del 19/12/2016

Rimando a questo articolo per leggere i nuovi risultati nell’uso della procedura di calibrazione della batteria con il mio MacBook Pro 13″ Retina (mid 2014).

Aggiornamento del 26/07/2017

Rimando a questo articolo per leggere gli ulteriori e forse definitivi sviluppi dell’esperimento di uso della procedura di calibrazione della batteria con il mio MacBook Pro 13″ Retina (mid 2014).

Calibrazione della batteria di un MacBook: serve?

I risultati restituiti dall’Aiuto del Finder in Mac OS X 10.10 effettuando una ricerca con le parole “calibrazione batteria” non sono molto confortanti:

Calibrazione batteria Aiuto Finder

Però alcune informazioni riguardanti la procedura di calibrazione della batteria possono essere trovate sul sito ufficiale Apple, effettuando una ricerca con le stesse parole chiave.

Calibrazione batteria Aiuto Online

Selezionando il primo risultato della ricerca e leggendo la relativa pagina, viene spiegato che nei computer portatili con batteria integrata (leggasi MacBook fine 2009 in avanti, tutti i MacBook Air, tutti i MacBook Retina ed i MacBook Pro 13″ 15″ 17″ dal 2009 in avanti) non necessitano della procedura di calibrazione della batteria.

In pratica è sparita la descrizione della procedura di calibrazione della batteria che utilizzavo fino a OS X Mavericks che veniva regolarmente spiegata tramite la ricerca nell’Aiuto del Finder e nel sito ufficiale Apple.

Utilizzo la procedura di calibrazione della batteria una volta al mese da quando uso il MBA e, visto che le raccomandazioni di Apple sono quelle di non farla eseguire sul mio portatile, ho voluto confrontare l’attuale stato della mia batteria utilizzando l’app Coconut Battery consigliata da Luca e Federico nel loro podcast EasyApple per capire se mi stessi sbagliando ad eseguire la procedura o se stessi provocando danni alla batteria eseguendola: l’utility infatti permette di confrontare lo stato della propria batteria con il loro nutrito database di batterie dello stesso modello, tenendo conto dei mesi di utilizzo e dei cicli di carica.

Il risultato è stato il seguente:

Battery Capcity Over Time

Aggiornamento del 07/02/2015

Grazie al commento di Koolinus, aggiungo la procedura per ottenere il grafico qui sopra riportato: avendo in esecuzione l’utility Coconut Battery, bisogna portarsi sulla linguetta “History”. In questa area dell’applicazione, si può salvare lo stato della batteria agendo su “+”. Agendo sul bottone “Upload”, si aprirà automaticamente il browser sulla pagina web con il grafico “Battery capacity over time” ed il grafico “Battery capacity based on loadcycles”.

Giusto per non perdere memoria della procedura di calibrazione della batteria di un MacBook, la riporto qui di seguito:

  • Collegare alla rete elettrica il MacBook e caricare al massimo la batteria, fin quando il colore della spia del connettore MagSafe non diventi verde e l’icona della batteria nella barra dei menu indichi che la batteria è carica;
  • Lasciare che la batteria rimanga così in carica per almeno due ore, lasciando il MacBook collegato alla rete elettrica;
  • Scollegarlo dalla rete elettrica mantenendo il MacBook acceso;
  • In “Preferenze di sistema”, selezionata l’icona “Risparmio energia” e nella finestra “batteria” alla voce “computer in stop” portare lo slider su “Mai”;
  • Utilizzare il MacBook solo con l’utilizzo della batteria fin quando non appare l’avvertimento a schermo che avvisa che la batteria deve essere ricaricata: salvate il vostro lavoro e chiudete tutte le applicazioni;
  • Continuare ad utilizzare il MacBook o lasciarlo acceso fin quando non si spegne;
  • Lasciarlo spento per almeno cinque ore;
  • Ricollegare il MacBook alla rete elettrica e lasciarlo attaccato finché la batteria non è completamente carica. Durante questo periodo è possibile utilizzare il portatile. Ricordarsi di tornare “Preferenze di sistema”, selezionare l’icona “Risparmio energia” e nella finestra “batteria” cliccare sul pulsante “Ripristina default”.

Aggiornamento del 06/10/2015

Aggiorno l’articolo con la seguente immagine che riporta lo stato attuale della batteria del mio MacBook Air 13″ 2010.

Batteria MBA 2010 Ottobre 2015

Aggiornamento del 06/06/2016

Rimando a questo articolo per leggere gli sviluppi nell’uso della procedura di calibrazione della batteria con il mio MacBook Pro 13″ Retina (mid 2014).

Aggiornamento del 19/12/2016

Rimando a questo articolo per leggere gli ulteriori sviluppi nell’uso della procedura di calibrazione della batteria con il mio MacBook Pro 13″ Retina (mid 2014).

Aggiornamento del 26/07/2017

Rimando a questo articolo per leggere gli ulteriori e forse definitivi sviluppi dell’esperimento di uso della procedura di calibrazione della batteria con il mio MacBook Pro 13″ Retina (mid 2014).