Mac ed iOS: Autodesk SketchBook Pro gratuito

Disponibile gratuitamente da oggi la versione Pro di Autodesk SketchBook, sia per Mac che per iOS: applicazione golosa soprattutto abbinandola al recente aggiornamento della linea di iPad.

Da iOS basta semplicemente recansi nell’ App Store ed effettuare il download, mentre per la versione Mac si deve passare dal sito internet ufficale e non dal Mac App Store.

Informazioni dettagliate sulla novità direttamente dal forum ufficiale di Autodesk.

Grazie infinite per la dritta data da Cristiano

Annunci

Autocad 2018: parola d’ordine “One”

Con il mantra “One AutoCAD”1 Autodesk ha annunciato la nuova versione di AutoCAD: più che di una versione sola di AutoCAD, si parla di “una sola esperienza utente” che passa dal desktop, dal mobile ed anche dal web.

Come si apprende nell’articolo di Architosh:

Autodesk has announced the unification of AutoCAD, the world’s best-known CAD program. For those who subscribe to AutoCAD 2019, they gain access, with just one license, to both the Windows and Mac versions of AutoCAD, seven new industry toolsets, and new mobile and web versions of AutoCAD.

Versione web

Ed è proprio quest’ultima parte che mi ha stuzzicato di più: la possibilità di eseguire AutoCAD via browser apre la possibilità di utilizzarlo su qualsiasi pezzo di hardware con un collegamento ad internet.

Ci vorrà del tempo per la piena funzionalità di questa “web app”, come sottolineato nell’articolo di Architosh:

There is no command line in the web version, but there may be in the future, says Autodesk

Ma soprattutto, c’è un un dettaglio non trascurabile che deve essere risolto: nel suo articolo di approfondimento pubblicato su Architosh, Anthony Frausto-Robledo non se lo fa scappare:

Which, by the way, can’t be Apple’s Safari. The new AutoCAD for the web app requires Google Chrome. We see this web version advancing to the point where it has near feature parity with the desktop version. It will take years, of course.

Ma credo che sia un’idea interessante e che valga la pena seguirne gli sviluppi.

Mobile

Ora la linea base di iPad sono compatibili con Apple Pencil e questo aggiornamento ben si sposa con la nuova versione di AutoCAD Mobile.

Vi prego di osservare bene quello che capita dal minuto 1.22 del video di presentazione dell’applicazione: semplicemente è la traduzione in immagini di cò che cercai di descrivere nell’articolo iPad Pro e Pencil: matita all’architetto.

AutoCAD 2018 per Mac

Non è ancora stata svelata la versione per Mac: seguendo il ciclo di sviluppo di macOS, sarà presentata a ridosso dell’evento di giugno di Apple, il “Natale estivo”, come l’ho soprannominato.

Concordo con l’idea di Anthony Frausto-Robledo di Architosh: la versione per Mac manterrà l’ambiente diverso rispetto alla versione per Windows anche se la direzione sia opposta rispetto al nuovo mantra di AutoCAD.

Alcuni indizi sono riportati nell’articolo di approfondimento di Anthony di Architosh pubblicato su Architosh:

There are no industry tools for the Mac version, and at this time Autodesk doesn’t have plans for creating them.

In the past, Autodesk has clarified that “AutoCAD for Mac” users are mostly quite different in their needs than traditional AutoCAD users. Therefore, the development focus on the Mac version of AutoCAD has followed its own path. That path does not include the comprehensive development of the industry toolsets.


  1. “Un Anello per domarli, un Anello per trovarli, un Anello per ghermirli e nell’oscurità incatenarli”, suona famigliare? 

iPad 2018: Pencil per tutti

Martedì 27 marzo si è svolto l’evento Apple dedicato al settore education che ha coinvolto, con mia somma gioa, anche il settore professionale.

La notizia più interessante è la commercializzazione di iPad da 9,7″ di sesta generazione, compatibili con Pencil: questa caratteristica, che era ad appannaggio della sola linea Pro di iPad, ora si potrà utilizzarla su tutta la nuova linea.

Dal punto di vista hardware, il nuovo iPad é dotato di chip A10 Fusion, lo stesso che equipaggia gli iPhone 7: indicativamente dovrebbe essere sufficiente per la maggior parte dei task che si possono dedicare ad un supporto di accompagnamento al Mac di lavoro. Va da sè che per task più impegnativi bisogna rivolgersi all’harware più prestazionale di iPad Pro.

La linea Pro è dotata della tecnologia ProMotion con frequenza di aggiornamento dello schermo a 120 Hz e latenza di 20 millisecondi, introdotto nel 2017, mentre lo schermo del nuovo iPad si ferma a 60 Hz con latenza di 40 millisecondi, uguale alla prima versione di iPad Pro.

A proposito, rimando alla cronaca del primo contatto che ho avuto con Pencil ed iPad Pro di prima generazione: rimango convinto, ora più che mai, che iPad con Pencil sia un ottimo strumento per l’architetto e che con questo aggiornamento possa diventare sempre più presente negli studi professionali.

Ad esempio, nel mio piccolo utilizzo app come Concepts, Enlight, OrthoGraph, CAD Pockets, PDF Expert e sono convinto che non potranno che essere sempre più performanti con Pencil.

Ma la cosa interessante è che app “basilari” nel mio workflow come Pages e Numbers per iOS hanno ricevuto aggiornamenti software che permettono di sfruttare le nuove possibilità offerte da Pencil e credo che anche altre app seguiranno questo percorso, come ad esempio SketchBook, Adobe Illustrator Draw, SketchAR, Notability e tante atre.

Francamente penso che questa versione di iPad sia uno spartiacque storico: da martedì l’interazione con i nuovi iPad non avverrà più solo ed esclusivamente tramite il dito, ma potrà avvalersi di uno strumento molto “duttile” e performante come Pencil.

Il tablet, come l’abbiamo sempre conosciuto ed usato fino ad ora, è ormai alle nostre spalle.

iOS: Scanbot

Lungi da me da ritenere di avere la mano felice di Bob Borson e dei suoi mitici sketch, ma ultimamente mi sono beccato una bella tonsillite ed i cantieri vanno avanti comunque; di conseguenza, a mali estremi, estremi rimedi!

Quindi, avendo necessità di spiegare un dettaglio al capo cantiere1, ho preso un foglio di recupero da mia figlia e, con l’aiuto di una BIC e di un pennarello indelebile a punta fine, ho provato a buttare giù un disegno esplicativo.

Schizzo Scanbot iPhone

Con mia somma sorpresa è venuto pure meglio di quello che mi aspettassi!

Per l’invio al capo cantiere non è stato nemmeno necessario utilizzare il Mac: con l’app Scanbot ed iPhone, ne ho salvato una scansione in iCloud Drive in formato pdf e poi l’ho inviato con Mail in cantiere.


  1. Noi architetti, si sa, spieghiamo meglio con i disegni che con le parole 

macOS: BabaCAD

Breve recensione di BabaCAD, gratuito, disponibile su App Store: BabaCAD è però ferma alla versione 1.0 di fine 2015 (!) mentre lo sviluppatore sembra molto occupato a migliorare la versione per Windows, che cambia nome e diventa BabaCAD Entreprise Edition.

Interfaccia

L’avvio è molto veloce: l’applicazione compare in un attimo. L’interfaccia grafica è molto “acerba” ma del tutto comprensibile a colpo d’occhio.

BabaCAD Interfaccia grafica

I comandi di base per il disegno ci sono tutti, però non esistono scorciatoie da tastiera tranne che per il comando Zoom. Quindi si dovrà ricorrere alle icone delle barre degli strumenti, facendo perdere un bel po’ di tempo per chi è abituato ai comandi da tastiera.

Esiste la possibilità di eseguire il programma in modalità Full Screen, ma spariscono le barre degli strumenti rendendo di fatto questa modalità inutilizzabile.

Qualche breve test

Per provare le capacità di questo CAD ho provato ad aprire un file dwg molto complesso su cui sto lavorando in questo periodo. Prima di tutto l’ho dovuto esportarlo in formato DXF perchè l’applicazione non apre file DWG direttamente.

Sotto questo punto di vista è un grosso limite per BabaCAD: Draftsight, anch’esso gratuito ma non presente nell’App Store, permette di aprire il file DWG nativamente.

Esportato il file in formato DXF, l’ho potuto aprire da BabaCAD: la visualizzazione non mi convinceva, così ho dato il semplice comando “zoom” “extended”. Dopo aver visto girare l’allegra rotellina della morte, aver sentito partire le ventole e dopo aver atteso inutilmente 10 minuti con il Mac con CPU occupata al 99% e con la memoria occupata per quasi 14 GB, ho terminato l’esperimento con una chiusura forzata.

BabaCAD CPU Occupata

BabaCAD Memoria Occupata

Il file in questione in formato DWG occupa 23,6 MB mentre in versione DXF arriva a 110,3 MB.

Altra prova che ho effettuato è l’importazione di una pianta catastale in formato PNG ed il risultato non è stato propro dei migliori.

BabaCAD Importazione PNG

A parte alcune scritte che ho celato tramite fotoritocco per ovvi motivi di privacy, l’immagine della pianta è stata importata come se si trattasse di una vista assonometrica. La cosa mi ha stupito molto perchè è la prima volta che vedo una cosa di questo tipo.

Conclusioni

BabaCAD ha ancora molta strada per raggiungere DraftSight, per rimanere nell’ambito dei CAD gratuiti disponibili per la piattaforma Mac.

Francamente, allo stato attuale dell’applicazione per Mac, ne sconsiglio l’utilizzo: sotto tutti i punti di vista è una versione molto acerba, ma rimane comunque da lodare lo sviluppatore Mirza Coralic che si è lanciato in questo settore occupato stabilmente da grandi team di sviluppo.

Quindi non rimane che stare alla finestra e sperare nel futuro rilascio della versione 2.0 più performante e stabile.

AutoCAD 2016 vs 2017

Interfaccia grafica a confronto

Ho provato a dare un nome alle perplessità che avevo espresso nel precedente articolo scritto in occasione della presentazione di AutoCAD 2017 per Mac: sono partito quindi effettuando degli screenshot dello schermo Retina del mio MacBook Pro 13″ con una risoluzione di 2560 x 1600 pixel; per confrontare la diversa occupazione dello schermo delle due interfacce grafiche, ho sfruttato la possibilità di nascondere la Dock di macOS tramite la scorciatoia da tastiera cmd+D per la versione 2016 di AutoCAD per Mac, mentre per la versione 2017 ho sfruttato la modalità full screen non disponibile per la versione 2016.

Barra degli strumenti (Tool sets)

Purtroppo i presentimenti che avevo sulla possibilità di ridimensionare la barra degli strumenti in AutoCAD 2017 per Mac si sono rivelati fondati: nonostante la visualizzazione standard della barra sia collassabile in quella a 3 colonne, non è comunque possibile rimpicciolirla ulteriormente.

Il risultato è che la barra 2017 occupa 180 pixel rispetto ai 135 della barra 2016, con un aumento di spazio occupato del 33% circa.

Barra dei layers e delle proprietà (Layers and properties inspector)

Qui la differenza non è subito percebile, ma è a favore della versione 2017 questa volta: il risparmio è di 25 pixel, portando l’ingombro della barra delle proprietà della versione 2017 a 475 rispetto ai 500 della versione 2016.

AutoCAD 2016 vs 2017 Verticale

Menu

La barra dei menu, nonostante la possibilità offerta dalla modalità full screen (che nasconde la barra del menu di macOS) si è inspessita complessivamente di 30 px a causa della nuova barra Tool bar che raggruppa alcuni strumenti configurabili a piacere.

Il risultato è che la barra dei menu è passata dai precedente 90 pixel della versione 2016 agli attuali 120 pixel, con un incremento del 33% circa.

Riga di comando e barra delle funzioni (Command line and status bar)

La riga di comando, trasferita al di sopra della barra delle funzioni, ha rosicato altri 30 pixel: l’area bassa dello schermo occupata dalle barre delle funzioni e dalla riga di comando nella precedente versione 2016 era di 70 pixel mentre l’attuale è passata a 100 pixel con un incremento del 40% circa.

AutoCAD 2016 vs 2017 Orizzontale

2017?

Il confronto tra l’interfaccia grafica tra AutoCAD 2016 e 2017 offre un risultato chiaro: nella configurazione di default la parte più importante, ovvero lo spazio di lavoro, risulta ristretta:

  • 2016 = 1925 x 1440 pixel
  • 2017 = 1905 x 1380 pixel

La situazione viene solo parzialmente mitigata dalla possibilità di nascondere la nuova barra Tool bar: si risparmiano 70 pixel portando l’altezza della finestra di lavoro a 1450 pixel. Così facendo le due aree di lavoro sono quasi uguali.

Peccato che in questa nuova barra siano stati spostati un paio di strumenti che prima erano agganciati alla barra delle proprietà e quindi sempre visibili: parlo di Quick Select e Match Properties che immagino nessuno utilizzi, vero?

Quindi, per portare la situazione alla normalità si dovrà realizzare una nuova barra degli strumenti con i due pulsanti dei comandi Quick Select e Match Properties, in modo da averli sempre visibili nonostante si nascondi la nuova barra Tool Bar, sempre che non si utilizzi la scorciatoia da tastiera cmd+alt+F per il primo comando ed il menu Modify – Match Properties per il secondo.

A questo punto la nuova Tool Bar è sotituibile facilmente con una barra personalizzata che va a posizionarsi al suo corretto posto, cioè tra le barre degli strumenti: a mio giudizio (confidando che se qualcuno non fosse concorde lo esprima liberamente nei commenti di questo articolo) la nuova Tool bar risulta essere un vezzo stilistico che porta via spazio all’area di lavoro.

Tanto ho un secondo monitor!

Mi rendo conto che, usando un MBP con uno schermo da 13″, lo spazio sia ristretto e quindi la questione sia molto appariscente su un monitor piccolo mentre è molto mitigata salendo con i pollici dello schermo.

E’ altrettando vero che è possibile nascondere la Riga di comando facilmente con cmd+3, visto che la sua presenza sia superflua utilizzando Dynamic Input, rendendo più grande l’area di lavoro rispetto alla versione 2016 di AutoCAD per Mac.

Però il confronto tra le due interfacce appare contrastante con ciò che è stato dichiarato da Marcus O’Brien, Senior Product Line Manager di Autodesk:

A lot of our customers actually take their MacBook Pros out to the field, it’s absolutely important that we get the maximum use of the area of the screens on their MacBook Pros. One of the reasons we put the tools on the left-hand side is it helps to maximize the screen as well.

Come dimostrato, lo spazio di lavoro è diminuito in configurazione standard.

E le cose non vanno meglio per chi utilizza un secondo schermo collegato al proprio MacBook: con la versione 2016 era possibile spostare la sola finestra di lavoro sul secondo schermo, lasciando tutte le rimanenti barre nel primo schermo. Provate ad immaginare l’ampia area di lavoro che si crea lasciando lo spazio di lavoro su un 21″ (ad esempio)…

Ora tornate con i piedi per terra e valutate autonomamente la situazione con la versione 2017, in cui solo le barre dei layer e delle proprietà sono sganciabili dall’intera interfaccia grafica e quindi dalla finestra di lavoro.

Asso nella manica

Immagino che siano ben chiare le mie forti perplessità in merito allo sviluppo dell’interfaccia grafica di AutoCAD 2017 per Mac e la conclusione che ci si aspetta è:

Restate sulla 2016, che è meglio!

Invece mi tocca tradire le conclusioni ovvie che un articolo del genere possa far pensare.

C’è un asso nella manica, la cui esistenza ha sorpreso anche me: nell’ articolo in cui parlavo di questo asso nella manica non risultava presente per la versione di AutoCAD per Mac.

Invece c’è.

Parlo dell’importazione vettorializzata dei file PDF: è presente su AutoCAD 2017 per Mac, al contrario di quanto scritto nel mio articolo, ed è giustamente pubblicizzato sul sito di Autodesk con tanto di video, non presente al momento della stesura dello stesso articolo. E’ possibile vedere la funzionalità dal minuto 2.28 al minuto 3.14.

Il funzionamento è molto semplice: dal menu File, si sceglie la voce Import… e si sceglie un PDF da importare.

Calmo subito gli animi: dalle prime prove non è possibile vettorializzare una pianta od una planimetria catastale; viene infatti importata come immagine. Almeno si salta il passaggio della trasformazione del PDF in file immagine tramite Anteprima perchè crea autonomamente un cartella PDF Images nella cartella in cui risiede il file DWG, con all’interno i file PNG dei PDF che non è stato possibile vettorializzare.

Preparatevi a recuperare la mandibola quando vedrete un disegno PDF tramutato in DWG vettoriale, completo di linee e testi modificabili.

Ho provato con un PDF generato da AutoCAD.

PDF prova

Questa è l’importazione vettorializzata: certo, c’è qualche errore, ma il tempo risparmiato è tanto.

AutoCAD 2017 Vettorializzazione PDF

Quindi?

Con AutoCAD 2017 bisogna scendere a patti a causa dell’interfaccia grafica che non è a livello della 2016: quest’ultima è davvero funzionale.

Però la versione 2017 si fa perdonare con il suo asso nella manica: questa funzionalità permette di risparmiare un sacco di ore, quando funziona. Infatti non sempre la vettorializzazione viene eseguita nel modo che ci si aspetta; credo che funzioni correttamente nel momento in cui il file PDF sia generato da un DWG.

La mia speranza è che la strada intrapresa con AutoCAD 2017 per Mac, a livello di interfaccia grafica, venga corretta con due semplici migliorie nella versione 2018:

  • permettere di restringere la barra degli strumenti a due colonne;
  • permettere di spostare la riga di comando all’altezza della barra delle funzioni, com’era nella versione 2016.