Leggere impressioni sul nuovo MacBook

Finalmente, dopo mesi 1, sono riuscito a toccar con mano il nuovo MacBook 12″ Retina visitando l’Apple Store di via Roma a Torino.

Ecco le mie prime impressioni:

  • bello;
  • piccolo, leggero, estremamente portatile;
  • i tasti della tastiera sono grandissimi e la tastiera occupa gran parte della visuale quando lo sguardo non è catturato dal display; ora i tasti del mio Air 2 sembrano un po’ piccolini, un po’ troppo…
  • non ci si mette molto a prendere confidenza con i nuovi tasti e la loro corsa corta;
  • bello (l’ho già detto?!?), anzi bellissimo!
  • display Retina meraviglioso;
  • fluido, veloce e più scattante del mio Air 2;
  • audio molto buono;
  • trackpad con qualche ritardo di risposta usando la nuova funzione force click, ipotizzo perché fossi il primo ad usarlo: dopo la prima incertezza ha funzionato benissimo;
  • il grigio siderale è il colore più bello per questo portatile: il look del MacBook Air è diventato di colpo vetusto;
  • sono rimasto una decina di minuti col nuovo MacBook e, nonostante fosse il momento della pausa pranzo, altri tre curiosi si sono avvicinati al tavolo per provarlo.

Per chi vuole invece approfondire l’argomento, troverà molte risposte nella recensione di Maurizio Natali di Saggiamente, sempre molto equilibrato e chiarificatore 3.
Per chi volesse invece leggere cosa non è il nuovo MacBook, potrà leggere l’articolo di Marco Arment.

In sintesi, Maurizio dice:

Non è il computer indicato per svolgere costantemente attività pesanti, ma se lo fate ogni tanto non vi creerà problemi.

Una piccola riflessione a margine: più o meno questo portatile viaggia il doppio del mio attuale 2.


  1. il MacBook 12″ Retina è stato presentato il 9 marzo durante l’evento Spring Forward, due mesi e mezzo fa. Senza considerare la gustosa anticipazione di Mark Gurman di 9to5Mac del 6 gennaio 2015. 
  2. attualmente il mio portatile è un MacBook Air 13″ (late 2010) dotato di CPU Intel Core2Duo 1,86 GHz, 2 GB di memoria RAM, SSD da 128 GB e scheda grafica Nvidia GeForce 320 con 256 MB on board. 
  3. grazie ai suoi articoli sono passato senza remore da un iMac 21″ (del 2009) al mio attuale MBA 13″ (late 2010). 

Inklet: il Force Touch Trackpad diventa tavoletta grafica

La prima proposta interessante in merito alle possibili applicazioni del Force Touch Trackpad, introdotto da Apple ad inizio mese e che attualmente equipaggia il MacBook Pro 13″ Retina Display (early 2015) ed equipaggerà il futuro MacBook, proviene dalla design company TecnoDesign con il rilascio della sua App Inklet proposta a 24,95 dollari.

Inkjet è la prima app di terze parti che supporta il Force Touch, trasformando il trackpad in una tavoletta grafica: simile al concetto introdotto da Astropad, viene visualizzata sullo schermo del MacBook una finestra touch, ridimensionabile, utilizzabile tramite penna capacitiva. L’app si installa normalmente e aggiunge un’icona alla barra dei menu di OS X dal quale si può dare l’avvio alla finestra touch di Inklet. Al fine di migliorarne la fruizione, tramite l’utilizzo di un tasto sarà possibile disattivare velocemente la modalità touch per poter attivare strumenti, opzioni, gradienti, ecc. dell’app in esecuzione. Inoltre è implementato un algoritmo avanzato per il rilevamento dell’impronta dei palmi. L’app funziona anche con Apple Magic Trackpad, ma ovviamente non viene rilevata la pressione esercitata per la mancanza di Force Touch, almeno fino a quando, ammesso e non concesso, sarà introdotto anche su Magic Trackpad.

A proposito, sono supportate le principali app di grafica: Pixelmator, Aperture, Photoshop CS4/5/6 CC, SketchBook Pro, GIMP, Illustrator CS4/5/6 CC, Lightroom, Photoshop Elements, Inkscape, ecc.

Davvero interessante.

Aggiungo il seguente screenshot che indica la possibilità di avere la finestra touch dell’app a tutto schermo.

Inklet tutto schermo