Novità di primavera

Ieri sera si è svolto l’evento Apple di primavera in cui sono state presentate alcune novità hardware e software, due delle quali rientrano nel campo architettonico.

iPad Pro 9,7″

iPad Pro è ora disponibile in due formati: 12,9″ e 9,7″.

Il fratello minore è molto interessante: mutua tutte le caratteristiche della versione con schermo da 12,9″, compresa Pencil e tastiera, ma condensato in uno scherrmo da 9,7″ con risoluzione 2048 x 1536 pixel; in più lo schermo ha delle caratteriste aggiuntive rispetto al fratello maggiore: è più luminoso e meno soggetto ai riflessi ambientali; ha una gamma cromatica più ampia ed è dotato di quattro sensori che rilevano la luce ambientale e regolano automaticamente il colore e la luminosità del display. Altre peculiarità di Ipad Pro da 9,7″ sono la fotocamera da 12 MP ed Apple SIM integrata per i modelli con connettività cellulare.

Questo concentrato di tecnologia permette davvero di fare molte cose in mobilità, ampliando il concetto di matita all’architetto: dopo averci liberato dalla schiavitù del mouse, iPad Pro con la versione da 9,7″ ci libera dalla schiavitù della carta, trasformandosi nello sketch book digitale ideale su cui prendere appunti, disegnare, visionare i progetti, modificarli. Consiglio di vedere questo video per capire cosa intendo.

Night Shift

L’altra novità arriva dal lato software con il irlascio di iOS 9.3: si chiama Night Shift.

Credo di non essere l’unico freelance ad avere gli orari di lavoro flessibili e ritagliati negli spazi liberi lasciati dai figli: questa funzione aiuterà a far riposare i nostri occhi durante le ore notturne, adattando non solo la luminosità, ma anche i colori del display, spostandoli verso le gradazioni più calde dello spettro durante la notte e tornando normali durante il giorno.

iOS 9.

Oggi è la giornata di rilascio di iOS 9, di solito alle 18.00 ora italiana.

Prima di lanciarsi a capofitto con l’aggiornamento, consiglio di seguire questa guida al backup dei dispositivi con iOS.

iPad Pro e Pencil: matita all’ architetto.

No, ieri sera non è stata presentata nessuna Apple TV con funzioni avanzate per la domotica. Questa parte è stata lasciata nelle mani degli sviluppatori di App: infatti la nuova Apple TV avrà un suo App Store dedicato a cui si rivolgono le mie speranze. Per chi fosse interessato, rimando alla pagina ufficiale sul sito Apple Italia per saperne di più.

Però l’evento di ieri non è stato avaro di nuovo hardware che possa interessare l’ambito architettonico: parlo di iPad Pro e di Apple Pencil.

iPad Pro

IPad Pro, disponibile da novembre, è il nuovo tablet di Apple con display Retina dalla diagonale di 12,9″: praticamente lo schermo dei portatili da 13″ dei MacBook Pro Retina, con la bellezza di 5,6 milioni di pixel e risoluzione 2732×2048 pixel. Oltre a sfruttare a dovere le nuovi funzioni di iOS 9 come Split View, che permette di avere a disposizione l’area di due normali iPad in verticale a disposizione per due App affiancate, beneficia dell’utilizzo della nuova Apple Pencil.

Apple Pencil

Penso all’adozione di Pencil nel workflow dell’architetto principalmente nella realizzazione di schizzi e disegni: il tratto viene infatti scansionato per 240 volte al secondo e possono essere utilizzati tratti di differenti spessori in base a quanto si calca la mano e differenti sfumature in base all’inclinazione della matita.
Ma non solo: usare ad esempio CAD Pockets con Pencil non sarebbe per niente male, restituendo la matita all’architetto e liberandoci dalla schiavitù del mouse. E credo che Autodesk ed Adobe non si faranno scappare l’occasione per sviluppare App che permettano lo sfruttamento di Pencil nel nostro ambiente digitale. Anzi, credo che non sia da sottovalutare l’introduzione di Pencil nell’ecosistema Apple, soprattutto tenendo in considerazione le sue possibili implementazioni in iOS: puó diventare il dispositivo di puntamento perfetto, facendo fare un grosso passo in avanti verso la post PC era.

Infine, una riflessione a margine: il MacBook Air 11″ e 13″ sono sul viale del tramonto.

Il MBA 11″ è attaccato da vicino dal nuovo iPad Pro: il prezzo molto vicino, la portabilità (iPad Pro pesa 719 gr. contro i 1080 gr. di MBA 11″, con dimensioni praticamente uguali) in abbinamento con la nuova tastiera Smart Keyboard presentata ieri sera, ma soprattutto lo schermo Retina faranno pendere l’acquisto di più di una persona verso l’iPad Pro.

Apple_Smart_Keyboard

Il MBA 13″ così come lo conosciamo ora sta diventato anacronistico. Il nuovo MB12″r ha dato la prima spallata rinnovando il design dei portatili Apple ed introducendo nuovi concetti nell’uso di un MacBook. Certo, l’hardware non è ancora competitivo, ma nemmeno quello del primo MacBook Air lo era. La seconda spallata arriva da iPad Pro appunto, principalmente dallo schermo Retina, ma anche dalle prestazioni che sono raddoppiate rispetto all’iPad Air 2 1.

iPad Pro prestazione

Personalmente, non vedrei per niente male l’uso di iPad Pro al posto del mio attuale MBA 13″ di fine 2010 e, pensandoci, scrivo qualche pensiero a voce alta: le prime limitazioni derivano dalle App, come spiegato predecentemente. Altre limitazioni derivano dal sistema di Firma Digitale che utilizzo con porta USB, ma lo scoglio più grande è rappresentato da due software che utilizzo per la Certificazione Energetica e per il Catasto. Magari per la prima limitazione software potrei trovare un App apposita in ambiente iOS. Per la seconda, beh, non ho speranze 2.

Quindi, finchè non sarà disponibile un App per iOS rilasciata dal catasto italiano o finché non sarà possibile eseguire programmi Windows in ambiente iOS, l’iPad Pro sarà un ottimo compagno del mio Mac, ma non il suo sostituto.

Ringraziamenti

Due parole per ringraziare:

Luca Zorzi e Federico Travaini del podcast EasyApple che hanno preso spunto da questo articolo per le loro brillanti riflessioni su iPad Pro e Pencil nella puntata n. 230 Ethernet o GTFO;

Giulio Cupini del podcast Digitalia che ha citato la piacevole chiacchierata intercorsa tra di noi su Twitter nella puntata 296 Batterie a Tamburo Battente.


  1. ricordo che l’iPad Air 2 ha prestazioni maggiori di un MBA 13″ del 2011, come scrissi qui
  2. se qualche persona che lavora al catasto è in ascolto, questa nota è dedicata ad essa: sono disponibile a sviluppare DocFA per OS X e iOS gratis, basta che venga fatto! 

Apple Events: 9 settembre 2015 – “Hey Siri, give us a hint.”

E’ stato comunicato ufficialmente la data dell’evento Apple che si terrà il giorno 9 settembre presso la sede del Bill Graham Civic Center di San Francisco: interessante la sede scelta perché è la stessa usata nel 1977 da Jobs e Wozniak per presentare l’Apple II.

Il keynote partirà alle 10:00, alle 19:00 sui nostri schermi.

Sono sempre molto interessato a questi eventi: oltre ad un sana curiosità di conoscere le novità che verranno presentate, cerco di ricavarne spunti ed argomenti dal taglio architettonico.

Per questo evento, la grafica dell’invito usa la parte superiore del logo Apple ed il contorno superiore della mela ha lo stesso effetto che verrà utilizzato in iOS 9 per l’assistente vocale Siri e che attualmente è presente su Apple Watch.

Siri avrà quindi una parte da leone in questo keynote ed il primo contesto che mi viene in mente è quello domestico: ipotizzando che venga effettivamente presentata la nuova Apple TV, essa potrebbe diventare il centro nevralgico della domotica di un’abitazione sfruttando le potenzialità di Siri in abbinamento ad HomeKit, alle nuove caratteristiche di iOS 9 ed accendendo ad un proprio App Store per permettere l’uso di app dedicate all’interazione con l’hardware domestico.

Curator: novità per il futuro

Interessanti novità per il futuro di Curator che sfrutterà il multitasking di iOS 9.

Coming next – Copy & Paste

With the arrival of multi tasking in iOS 9, the much asked for feature of copying and pasting makes a lot of sense. We have started work on this and the first iteration is already accessible to our beta testers. Simply long tap on a cell with content to copy it, then long tap on an empty cell to paste. Copying and pasting an image, website or text to and from other apps also works!

Chi fosse interessato a seguire il programma di beta testing, potrà iscriversi seguendo questo link.

Apple WWDC 2015 dal punto di vista architettonico.

Si tratta di una conferenza indetta annualmente da Apple per gli sviluppatori di software e quest’anno si è tenuta lunedì 8 giugno e, come era lecito aspettarsi, sono stati presentati i nuovi sistemi operativi iOS 9 e OS X 10.11.
Oltre alle molte interessanti novità introdotte e presentate, ce ne sono due che reputo interessanti per quanto riguarda il mondo dell’architettura:

  • l’introduzione della possibilità di appuntarsi disegni sull’app nativa Note sfruttando le superfici touch dei dispositivi, sincronizzati sui vari dispositivi;

Apple WWDC 2015 Note

  • l’introduzione del linguaggio di programmazione Metal anche in ambito Mac (la lista dei Mac compatibili è indicato qui): questo linguaggio permette di sfruttare molto di più l’hardware e le librerie OpenGL. I vantaggi dal punto di vista dell’esecuzione di render e di elaborazioni grafiche saranno evidenti, tanto da scomodare Autodesk ed Adobe che sfrutteranno queste nuove caratteristiche per i loro software.

Apple WWDC 2015 Metal Autodesk

In ogni caso, le persone che hanno avuto modo di installare la versione Beta di 10.11 hanno già riportato un netto miglioramento della risposta del sistema operativo rispetto a Yosemite.