iOS: Scanbot

Lungi da me da ritenere di avere la mano felice di Bob Borson e dei suoi mitici sketch, ma ultimamente mi sono beccato una bella tonsillite ed i cantieri vanno avanti comunque; di conseguenza, a mali estremi, estremi rimedi!

Quindi, avendo necessità di spiegare un dettaglio al capo cantiere1, ho preso un foglio di recupero da mia figlia e, con l’aiuto di una BIC e di un pennarello indelebile a punta fine, ho provato a buttare giù un disegno esplicativo.

Schizzo Scanbot iPhone

Con mia somma sorpresa è venuto pure meglio di quello che mi aspettassi!

Per l’invio al capo cantiere non è stato nemmeno necessario utilizzare il Mac: con l’app Scanbot ed iPhone, ne ho salvato una scansione in iCloud Drive in formato pdf e poi l’ho inviato con Mail in cantiere.


  1. Noi architetti, si sa, spieghiamo meglio con i disegni che con le parole 
Annunci

iOS 11: Note rapide dal centro di controllo

Interessante articolo di Bradley Chambers di The Sweet Setup in cui spiega come usare un piccolo aiuto per prendere delle note in modo rapido grazie alla possibilità di personalizzazioni offerte da iOS 11.

In the next section, there are two options: Created on Lock Screen and Viewed in Notes App. If you choose the Created on Lock Screen option, you resume editing the last note created from the Lock Screen or a new note is created after a certain amount of time. You can choose between five minutes, fifteen minutes, one hour, daily, and never for this option. How does this work exactly? Well, if you choose After 1 Hour and use the Notes button from Control Center (from the Lock Screen) within the hour, you would be taken to the previously created note (to edit it).

Evento Apple di settembre: commento in diretta ed attrazioni architettoniche

Domani sera, martedì 12 settembre, ore 19.00 italiane, si terrà il keynote per la presentazione dei nuovi modelli di iPhone: è uno strumento fondamentale per la mia vita privata e lavorativa, sono molto curioso di vedere le conferme e le smentite su questi nuovi modelli e le altre novità che saranno presentate durante l’evento.

Ma soprattutto, sono ben lieto ed orgoglioso di annunciare che sarò nuovamente ospite, questa volta in compagnia di Justen Rosati, Cesare Giraldi e Simone Gusella, nel live streaming della puntata speciale del podcast TechnoPillz condotto da Alex Raccuglia in cui insieme commenteremo in diretta l’evento Apple.

Qui potete ascoltare il trailer della puntata di martedì mentre qui potete sentire le nostre previsioni registrate in tempi non sospetti.

Non solo: altro punto di interesse di questo evento, è che si terrà ad Apple Park nel nuovissimo Steve Jobs Theater!

Per farsi un’infarinatura dell’edificio, sperando che durante l’evento ci sia spazio per una presentazione dedicata ad esso, consiglio di dare un’occhiata al video pubblicato da Duncan Sinfield il 5 di settembre in cui si può vedere lo stato di avanzamenteo dei lavori in Apple Park ma in cui è anche possibile vedere la bellissima entrata dello Steve Jobs Theater, un basso cilindro completamente vetrato che fa sembrare sospesa la sua copertura.

La sala conferenze è completamente interrata e quindi è celata alla vista, ma è possibile dare uno sguardo al suo interno grazie all’ articolo di Micheal Potuck pubblicato da 9to5Mac: ci sono alcune foto scattate durante i lavori ed anche una pianta dell’edificio.

A domani sera!

Apple Park: riflessi e riflessioni

It also says that the glass fins are unexpectedly reflecting green light from the surrounding trees and foliage, something Ive did not plan for. The article does not say whether this unintended consequence is beneficial or not.

Sono rimasto sorpreso nel leggere queste righe nell’articolo di Benjamin Mayo di 9to5Mac. L’articolo a cui fa riferimento Benjamin è quello dell’ intervista a Jony Ive apparso sul Wall Street Journal e cover story del WSJ Magazine di agosto.

Nonostante gli imponenti sforzi ingegneristici spesi nel costruire, trasportare e posare le lastre di vetro utilizate nell’Apple Park, con tolleranze vicine a quelle utilizzate nella meccanica fine, il nemico si è celato nel posto più inaspettato.

Non è detto che il riflesso verde possa rivelarsi un effetto negativo, ma oltre alla sorpresa si aggiunge la constatazione che la cura del duo Foster/Ive non è limitata alla progettazione, ma ad un vero e proprio collaudo in itinere.

Spesso, lo schema piramidale che si crea nel mondo delle costruzioni non consente a chi sta in alto di cogliere queste sfumature, al contrario di Apple Park, caso più unico che raro, dove il Committente, il Direttore Lavori ed il Progettista sono un’unica entità.

Nutro la speranza di veder presentato l’iPhone del decimo anniversario nello Steve Jobs Theater; intanto è possibile dare un’occhiata all’esterno dell’immenso Park in questo video, mentre in questo articolo di Dan Howarth di Dezeen si può dare una sbirciata agli interni.

Today at Apple

Nella giornata di ieri Apple ha inaugurato il nuovo corso per gli Apple Store: oltre alla futura ristrutturazione interna che porterà gli Store più vicini al concetto inaugurato nello Store di Union Square di San Francisco, sarà possibile, fin da ora, partecipare ad alcuni eventi organizzati dal personale di Apple: Today at Apple.

Segnalo gli eventi, organizzati a Torino nell’Apple Store di via Roma, che spero di seguire a breve perchè credo che saranno utili in ambito architettonico:

Questi, invece, attivi all’Apple Store delle Gru, a Grugliasco (TO):

Davvero un’ampia scelta e variegata.

Contatti: backup e pulizia

Si avvicina la fine dell’anno e, oltre a tutti i buoni propositi, arriva il momento “tiro le somme”.

Il mio preferito.

Rientra in questa procedura anche l’operazione “liberare la rubrica telefonica dai numeri di telefono inutili”.

Cinico, ma liberatorio, sia dal punto di vista personale che software.

Non prima di fare il backup della rubrica, però. Si sa mai che il ciente che ti deve pagare il saldo della fattura da due anni si faccia vivo. L’importante è che il suo numero sia sul tavolo del mio avvocato.

Un simpatico e veloce modo per effettuare il backup della rubrica telefonica prima delle pulizie di fine anno consiste nell’utilizzare le app Contatti e Numbers del Mac.

Si apre Contatti, si seleziona un contatto a caso (solo per essere certi che il successivo comando operi nell’ambiente corretto), si digita un bel cmd+a 1, seguito da un bel cmd+c 2, si apre un foglio vuoto di Numbers, si selziona la prima casella in alto a sinistra e si digita un bel cmd+v 3.

I comandi da tastiera citati hanno lo stesso effetto in tutte le app del Mac.

Ora non resta che salvare da qualche parte il file Numbers con un nome evocativo del tipo Bk Rubrica 2016.

Come si potrà notare, all’interno del fine Numbers non verrà copiato solo il nome ed il cognome della persona seguito da numero di telefono, ma verranno compilate tutte le colonne con i relativi campi presenti nella scheda contatto.

L’operazione di backup risuterà molto veloce, più veloce del passaggio in rassegna dei numeri telefonici ed eliminare quelli inutili che, grazie alla sincronizzazione dell’app Contatti tra Mac ed iOS, consentirà di avere la versione pulita anche sul proprio iPhone.

Buona pulizia e buon fine anno a tutti!


  1. scorciatoia da tastiera che equivale a seleziona tutto
  2. scorciatoai da tastiera che equivale a copia
  3. scorciaotia da tastiera che equivale ad incolla

Sono Pro?

Ho da sempre ritenuto SaggiaMente, blog di Maurizio Natali, un punto di riferimento per la mia informazione del mondo Mac.

Il suo recente articolo, in cui Maurizio recensisce il MacBook Pro 13″ 2016 senza Touch Bar, è curato come sempre, ma una parte di ciò che ha scritto ha attirato la mia attenzione e mi ha dato da pensare. Anche troppo…

Tuttavia noto discussioni molto accese in merito al fatto che questi MacBook non siano pensati per professionisti, per cui dico la mia il più brevemente possibile. Da precisini si potrebbe asserire che se si usa un dispositivo per svolgere una professione questo è automaticamente professionale. Per quanto mi riguarda si tratta di una forzatura, perché quando le richieste sono davvero minime qualsiasi computer e persino uno smartphone è sufficiente, ma ciò non li rende professionali. Da sempre si considera Pro l’utilizzo che richiede potenze di calcolo più elevate della media o connessioni e supporti altamente specifici, quelli che, per definizione inversa, non sono necessari all’utente consumer.

Secondo la definizione di cui sopra, se una persona non usa macchine nel proprio lavoro con una potenza di calcolo più elevate della media sta usando macchine consumer. Che professionista è una persona che usa macchine che da sempre non sono considerate adatte ai professionisti per svolgere il proprio lavoro?

Sarà perché mi sento tirato in mezzo ma mi sembra un discorso miope.

Storicamente i computer Apple sono stati i preferiti dai creativi e i MacBook Pro (per rimanere nell’era x86) utilizzati per lavorare in settori quali ricerca, audio, foto, video e animazione. Per come è strutturata l’attuale linea, il 15″ può essere ancora competitivo in tal senso (ma dipende dai software in uso, lo vedremo più avanti), mentre sul 13″ nutro più di qualche dubbio; specie in questa sua incarnazione più economica.

Francamente, i dubbi ce li ho avuti io leggendo queste affermazioni e cerco di dirimere i dubbi di Maurizio in merito.

Cosa si puó fare

Giusto la mattina stessa leggevo l’ articolo di Lucio Bragagnolo di QuickLoox, dall’opinione decisamente più equilibrata, che rende meglio l’idea di cosa una persona può fare con l’attuale “incarnazione più economica” del MacBook Pro. Ci sono altri aspetti molto interessanti nell’articolo di Lucio, ma li tratterò in un post a parte per non uscire dal seminato.

Tornando a ciò che si può fare:

Parliamone con serenità: Jonathan Zdziarski mostra che con un MacBook Pro da sedici gigabyte di Ram si può fare un numero impressionante di cose. Sono uno sprecone di aggettivi, ma stavolta ci sta tutto. Cito dal suo post l’elenco di quello che ha acceso senza che il computer iniziasse a paginare e spostare dati dalla Ram al disco SSD. A me fa impressione.

Non solo a te!

  • VMware Fusion: tre macchine virtuali in funzione (Windows 10, macOS Sierra, Debian Linux)
  • Adobe Photoshop CC: quattro foto da trentasei megapixel multilivello, da oltre un giga ciascuna
  • Adobe InDesign CC: un progetto fotografico di ventidue pagine
  • Adobe Bridge CC: navigazione di una cartella con 307 immagini per 163 gigabyte totali
  • DxO Optics Pro: modifica di una cartella di immagini
  • Xcode: cinque progetti in Objective-C, tutti puliti e con un build nuovo di zecca
  • Microsoft PowerPoint: una presentazione
  • Microsoft Word: quindici capitoli, un file ciascuno, del mio ultimo libro
  • Microsoft Excel: un workbook
  • MachOView: analisi del binario di un daemon
  • Mozilla FireFox: quattro siti differenti in una finestra a testa
  • Safari: undici siti differenti in una finestra cadauno
  • Anteprima: tre libri in Pdf, di cui uno molto pieno di grafica
  • Hopper Disassembler: analisi in corso di un file binario
  • WireShark: acquisizione in corso di dati di rete
  • IDA Pro 64-bit: analisi di un binario Intel a 64 bit
  • Apple Mail: vista di quattro caselle
  • Tweetbot: lettura delle menzioni
  • iBooks: visualizzazione di un libro
  • Skype: collegato e inattivo
  • Terminale: una manciata di sessioni inattive
  • iTunes
  • Little Flocker
  • Little Snitch
  • OverSight
  • Finder
  • Messaggi
  • FaceTime
  • Calendario
  • Contatti
  • Foto
  • Veracrypt
  • Monitoraggio Attività
  • Path Finder
  • Console
  • Probabilmente molto altro di cui non mi sono reso conto

Giusto per correttezza di informazione, sono curioso di provare a ripetere l’esperienza col mio.

Certo, il MacBook Pro 13″ (late 2016) non sarà il computer più adatto per Maurizio e per la sua professione e per altre professioni che richiedono hardware di un certo calibro, ma ciò non toglie che questo Mac ne può eseguire molte di cose che servono ad un professionista, con buona pace del computer top di gamma che un professionista deve (in quanto professionista, come espresso nel suo articolo) acquistare.

Quando sarebbe meglio evitare

E guarda caso, venerdì ho seguito un corso webinar sul BIM. Il relatore era indubbiamente preparato ma anche lui, senza mezzi termini, ha detto chiaramente che al giorno d’oggi nessun professionista utilizza i Mac, visto che Apple è concentrata a vendere iPhone ed iPad.

In effetti, se si guardano le vendite di Apple suddivise per prodotto, la maggior parte dei guadagni arrivano da iPhone.

Ma, perchè c’è sempre un ma, è accaduto qualcosa che ha fatto inciampare (e cadere violentemente) il relatore.

Dopo aver tessuto lodi sperticate del suo portatile che stava usando per il webinar, con Windows 10, processore Intel i7, 32 GB di RAM e scheda video NVidia (non sto scherzando: le ha tessute veramente senza mancare di citare i suoi 1600 CUDA), cercando di rompere il ghiaccio, ha deciso di far partire a video il filmato di una nota parodia su Autocad.

Video bloccato al primo fotogramma e silenzio in attesa che partisse.

È stato appagante cercare il filmato con Safari, guardarmelo sullo schermo esterno collegato al mio portatile mentre sullo schermo integrato ho potuto gustarmi i vari interventi e tentativi per cercare di far partire lo stesso filmato sul computer del relatore.

Il quale è partito quasi alla fine di quello che stavo guardando io.

Sarà stato anche preparato il relatore, ma questo episodio ha gettato una lunga ombra sulla professionalità del suo computer.

Caso reale

Tornando a noi, e con noi intendo le persone che leggono questo blog ed il sottoscritto, la situazione nel nostro angolo di mondo qual’è?

È fatto da professionisti.

Il primo che mi viene in mente è senza dubbio Barbarroja, architetto, che nei commenti a questo articolo ha descritto il proprio setup.

Ecco l’estratto del suo commento:

Nel mio studio usiamo come hardware due iMac 27 5k molto ben pompati, 1 iPad Air e 1 iPad Pro da 9.7, un MacBook Pro 17 del 2010 che presto sostituirò con il nuovo 13, per avere massima portabilitá anche in casa, dove lo collegherò alla bisogna al Cinema Display 24 che ho da un bel po’. Ho una Apple tv che uso anche per presentare i progetti su uno schermo tv 43 pollici, posizionato in sala riunioni. Come software uso Autocad 2016, Maya per il 3D, InDesign per l’impaginazione, pacchetto iWork e Libreoffice per relazioni presentazioni ed altro, Mastro 3k per là contabilità e per i piani di sicurezza nei cantieri. Carta da schizzi e pennarelli per i disegni iniziali di progetto, che amo fare ancora a mano libera, o su iPad Pro con Apple Pencil.

Senza mezzi termini ha puntato sul nuovo MacBook Pro 13″, giusto per fugare i dubbi di Maurizio.

Professione

Non per forza un professionista deve acquistare macchine top di gamma per svolgere la propria professione, rimanendo un professionista. Mi spiace Maurizio darti questa notizia.

Ringrazio le persone citate di seguito che mi hanno aiutato a far chiarezza sul discorso e di cui riporto le parti salienti.

Paolo e Nicola:

Un computer “professionale” è uno strumento avente le caratteristiche necessarie per essere usato in una specifica professione in modo continuativo, con la massima affidabilità e le migliori prestazioni possibili.

Claudia:

Il computer non è professionale, è una macchina che viene riempita di programmi atti a svolgere una o più attività da un professionista

Lucio:

Siccome ogni lavoro ha eguale dignità allora ogni computer sano è solo uno strumento.

E sono proprio le parole di Lucio quelle in cui ho trovato la chiave di volta per interpretare questo mio sfogo1: ogni lavoro ha eguale dignità, indipendente dalla capacità di calcolo del computer con il quale viene svolto.


  1. non ero riuscito a focalizzare quale fosse il problema che mi ha fatto scattare: lo ammetto; ho scritto, scritto, scritto, ma non riuscivo ad arrivare al punto. Fino a qui.