Today at Apple

Nella giornata di ieri Apple ha inaugurato il nuovo corso per gli Apple Store: oltre alla futura ristrutturazione interna che porterà gli Store più vicini al concetto inaugurato nello Store di Union Square di San Francisco, sarà possibile, fin da ora, partecipare ad alcuni eventi organizzati dal personale di Apple: Today at Apple.

Segnalo gli eventi, organizzati a Torino nell’Apple Store di via Roma, che spero di seguire a breve perchè credo che saranno utili in ambito architettonico:

Questi, invece, attivi all’Apple Store delle Gru, a Grugliasco (TO):

Davvero un’ampia scelta e variegata.

Firma digitale remota: un possibile futuro per iPad Pro nell’edilizia

Filippo Strozzi di Avvocati e Mac ha scritto un interessante articolo sulla possibilità di firmare digitalmente gli atti tramite iPad Pro e la firma digitale remota.

Però, come premette Filippo:

Quello che segue è solo un esperimento. In particolare la generazione dell’atto, la numerazione dei documenti e così via è stata fatta su Mac e non attraverso l’iPad

Anche perchè Filippo ha impostato una serie di routine sul suo Mac che gli permettono di creare una cartella dotata di sottocartelle preimpostate per le pratiche giudiziarie e di numerare automaticamente gli allegati dell’atto.

Purtroppo non ho potuto verificare di persona1, ma virtualmente credo che sia possibile, a questo punto, completare una semplice pratica di Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata, firmare digitalmente gli allegati ed inviare il tutto al Mude2 tramite iPad Pro.

Per il concept del progetto è utile Adobe Illustrator Draw; per gli elaborati grafici si potrebbe usare CAD Pockets; per i documenti Pages e il tutto può essere firmato tramite la firma digitale remota; avendo anche la macchina fotografica incorporata, l’iPad Pro potrebbe avvicinarsi ad uno strumento all in one, almeno per le pratiche edilizie semplici.

Troppi se?


  1. purtroppo non ho a disposizione un iPad Pro e la firma digitale remota per fare le prove del caso. 
  2. sempre che il Mude non faccia più difficoltà di quando si utilizza un Mac. Ed è tutto dire… 

Fluor: addomesticare la doppia personalità dei tasti funzione del Mac

F8 ed F10 sono i tasti funzione che uso di più disegnando con il CAD: il primo permette l’abilitazione/disabilitazione del vincolo ortogonale del cursore mentre il secondo permette l’abilitazione/disabilitazione del vincolo polare del cursore.

Usando un portatile Apple, per poterli sfruttare con il CAD, bisogna premere prima il tasto fn affichè i tasti funzione lavorino in modalità standard: normalmente F8 è il tasto Play/Pausa ed F10 è il muto.

Per far funzionare sempre i tasti funzione in modalità standard basta semplicemente spuntare la relativa casella nelle Preferenze di sistema del pannello Tastiera, ma risulta un po’ scomodo abilitarlo solo quando uso il CAD e disabiitarlo quando ho finito di lavorarci.

Fluor è l’applicazione che permette di non premere il tasto fn per abilitare il tasto funzione standard quando si usa solo il CAD.

Ma non solo: si può scegliere che tipo di funzionamento impostare per i tasti funzione in base all’applicazione in esecuzione.

Rimando alla pagina su GitHub per le spiegazioni dettagliate, dalla quale è possibile effettuare il download.

L’unica piccolo neo è che l’impostazione non funziona con tastiera esterne di terze parti Bluetooth; magari con quelle Apple funziona correttamente.

Ottima compagna delle mie menu bar app 2017.

Mude e Mac: la triade funzionante [part II]

Periodo di ritorni sul tema, questo.

Questa volta riapro specificatamente l’argomento Mude e Mac per aggiornarlo e segnalare la triade funzionante, appena provato, con il sistema Mude Piemonte:

  • macOS X El Capitain 10.11.6;
  • Safari 10.0.03;
  • Acrobat Reader DC 2015.023.20053.

Una buona notizia, anche se è da verificare che il discorso sia valido anche con Sierra…

Sistema Piemonte – Meno uno [part II]

Ritorno sul tema solo per segnalare la comunicazione del Sistema Piemonte di oggi riguardo ai browser supportati:

L’applicativo MUDE sarà compatibile con i browser:

Non si finisce mai di imparare: non ero a conoscenza di Mozilla SaeMonkey; si tratta di una suite per la navigazione internet costruita attorno a Firefox:

Containing an Internet browser, email & newsgroup client with an included web feed reader, HTML editor, IRC chat and web development tools, SeaMonkey is sure to appeal to advanced users, web developers and corporate users.

Immagino che lo stiate utilizzando tutti, vero?

Mac vs. Istituzioni

Sapete che usare il Mac come macchina principale in ambito professionale architettonico può creare qualche incoveniente, tipo farsi rispondere dall’assistenza dei portali istituzionali con frasi del tipo:

Usa un Mac? Non sappiamo nemmeno come aiutarLa

o scoprire che degli sviluppatori non posso portare avanti un software per Il catasto a livello nazionale per Mac o escludere Safari dai browser supportati per accedere ad un portale web istituzionale.

E come sapete ritengo queste situazioni semplicemente assurde.

Ho recentemente scoperto che, evidentemente, non sono solo io a pensarla così.

L’Ordine degli Architetti di Torino ha pubblicato questa segnalazione, datata 09/02/2017:

Recentemente, è stato ribadito al Consorzio per il Sistema Informativo (CSI) Piemonte il persistere del problema di accesso alla piattaforma MUDE (Modello Unico Digitale per l’Edilizia) da parte degli utilizzatori di pc MAC. Considerando che una larga parte degli iscritti all’OAT utilizza pc in ambiente MAC, la predisposizione della piattaforma MUDE per soli utenti Windows costituisce un limite notevole, e pone coloro che usano pc MAC nella scomoda condizione di ricorrere a simulatori di ambienti Windows.

Applausi a scena aperta.

Ma c’è ancora molto da fare.

Perseverare è diabolico

Recentemente è stato pubblicato sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate alias Agenzia del Territorio alias Catasto la nuova piattaforma “Scrivania del Territorio”1 :

La Scrivania del Territorio è un ambiente di lavoro che rende disponibile, in un’unica interfaccia sul proprio pc, una serie di servizi per lo scambio di informazioni con le banche dati catastale e ipotecaria dell’Agenzia delle Entrate, con l’obiettivo di semplificare le attività del professionista e stimolarne la compliance.

Wow, dico io!

Finalmente si mette mano al software per il Catasto che attualmente ha le finestre stile Windows 95. Vuoi vedere che per l’occasione si parte bene con un software multipiattaforma e che la larga parte degli Iscritti OAT che utilizzano il Mac possono lavorare in santa pace col Catasto?

No, NO, NO! Il link fa scaricare un file eseguibile!

Ma dico, Santo Cielo, come è possibile, nel 2017, epoca in cui lo smartwatch è il computer da tasca e si stanno sviluppando le Intelligenze Artificiali, che un Ente Pubblico Nazionale possa programmare il rilascio di un software, anzi, una piattaforma funzionante su un solo ed unico sistema operativo, tra l’altro a pagamento? Ma perché?!? Perché????

Stride un po’ con l’obiettivo perseguito e dichiarato di:

semplificare le attività del professionista e stimolarne la compliance.

E non solo: il concetto attaccatialtramefischiaincurvautenteMac è ribadito proseguendo nella pagina dell’Agenzia con la presentazione del Desktop del Territorio:

Il software per l’installazione della “Scrivania del Territorio” è già disponibile per il download.
Progressivamente saranno rilasciate le nuove versioni dei seguenti software, che permetteranno di dialogare con la Scrivania:

  • Docfa, per l’aggiornamento delle unità immobiliari del Catasto dei Fabbricati
  • Docte, per l’aggiornamento delle qualità colturali delle particelle terreni
  • Pregeo, per la predisposizione degli atti geometrici di aggiornamento della cartografia
  • Voltura e istanza titolarità, per l’aggiornamento delle intestazioni e dei diritti iscritti in catasto
  • Unimod, per la compilazione del Modello Unico da inviare per l’aggiornamento del registro e delle titolarità del sistema di pubblicità immobiliare e catastale.

Apparte l’ultimo, che ha un’interfaccia web, non sto neanche a dirvelo su quale sistema operativo questo software possono essere usati.

Distribuzioni GNU/Linux?
Sistemi Unix-like?
macOS?
Sistemi BSD?

Esatto, proprio quello che vi viene in mente.

Sognare non costa nulla

Visto che all’Agenzia fanno orecchie da mercante, mi rimane una sola possibilità: ci vorrebbe qualcuno che smettesse di guardare tabelle con i conti economici sul suo iPad, si alzasse dalla scrivania e mettesse uno sviluppatore in sede all’Agenzia, pagato di tasca propria per evitare situazione del genere. Sì, Mr. Cook, mi rivolgo proprio a Lei.

E nel caso in cui ritenga che comunque sia l’iPad ad essere il futuro e possa essere uno strumento professionale, Le consiglio di affiancare un qualsiasi architetto dotato di Mac e iPad in una qualsiasi giornata lavorativa: potrebbe avere la spiacevole sensazione che nemmeno gli avvitamenti carpiati multipli all’indietro di Viticci2 possano infrangere questo muro di gomma.

E ci tengo a sottolinearlo: sarei il primo ad utilizzare solo iPad nella mia professione fosse possibile; ne sarei davvero felice.

Purtroppo ci sono Istituzioni in Italia che non hanno recepito l’esistenza di Mac o di Linux, nati qualche decennio fa. Figuriamo di iPad…


  1. ma perché, perché, perché chiamarla scrivania? Perché? Visto che funziona solo con Windows il nome appropriato sarebbe dovuto essere Desktop
  2. nutro un profondo rispetto per Federico Viticci: massimo rispetto per le sue capacità, per ciò che è riuscito a fare con il binomio iPad/MacStories ed i risultati ottenuti.