Astropad

A seguito della segnalazione di Nicola “news” Losito, ho provato una nuova applicazione per iPad: Astropad. Questa app permette di trasformare il proprio iPad in una tavoletta grafica collegata via wi-fi o via USB al proprio Mac. Non solo! In realtà si tratta di una finestra touch su OS X: basta lanciare “launchpad” su OS X per ottenere una finestra molto famigliare su iPad!

Astropad OS X Touch

L’app lato iPad è gratuita, mentre l’app lato OS X è in prova per 7 giorni, dopodiché, per continuare ad utilizzarla, si dovrà acquistarla al costo di circa 50 dollari.

Astropad Try

L’app è pensata per il disegno a mano libera, espressamente per l’utilizzo con Photoshop, come viene ben indicato sia sul sito ufficiale che nel video di presentazione dell’app. Indubbiamente gli utilizzatori hanno espresso commenti assolutamente positivi: questa è un’app davvero ottima.

Astropad Opinioni Twitter

Nonostante le premesse, ho tentato comunque di utilizzare l’app per il disegno vettoriale con DrafSight, facendo un utilizzo dell’app fuori dall’area di sua competenza. In pratica ho usato una Lamborghini per fare una prova speciale di rally, con gli ovvii risultati.

Una volta avviate le applicazioni su Mac e su iPad, i due dispositivi si collegano velocemente ed apparirà su iPad la riproduzione del desktop presente su OS X.

Astropad OS X Desktop

Sulla sinistra dello schermo dell’iPad è richiamabile, utilizzando il pulsante ad anello bianco, la barra principale dell’app, nella quale viene segnalato l’intensità del collegamento tra i due dispositivi (se collegati via wi-fi) o l’indicazione del collegamento via cavo; i pulsanti per indicare se si utilizza finger o stylus; otto pulsanti configurabili; il pulsanti delle preferenze dell’app su iPad; il pulsante per richiamare i tasti shift, control, option e command della tastiera.

Astropad Barra laterale

La prima cosa da fare per provare ad utilizzarlo con DraftSight (o altri programmi cad) é impostare i bottoni dei comandi, passando dalle preferenze dell’app lato OS X. Purtroppo non é possibile, per ora, utilizzare shortcut con più di una lettera, con eventualmente caratteri speciali. In ambito cad i comandi sono seguiti da invio (o barra spaziatrice) per renderli attivi e, non potendolo aggiungere alla shortcut del comando, ho quindi impostato un bottone con invio e rinominandolo prosaicamente in Invio.
Proseguendo la prova, ho impostando altro bottone con la shortcut “L” e rinominato in linea: sarà quindi possibile disegnare una linea con Astropad su iPad utilizzando DraftSight, usando prima il bottone rinominato Linea e poi il bottone rinominato Invio: un tap per dare il punto di inizio della linea ed un secondo tap per dare il punto di fine e la linea su DraftSight è stata creata.

Astropad_DraftSight

Lo zoom é uno strumento molto utilizzato in ambito Cad e quello offerto da Astropad é davvero intuitivo: pollice fermo sul l’anello bianco descritto in precedenza e pinch to zoom in ed out. Così agendo si attiva lo zoom solo a livello della vista su ciò che accade su OS X e non uno zoom a livello di DraftSight. Lo zoom vettoriale di Astropad (il classico pinch to zoom) in DraftSight non funziona. Per risolvere il problema si possono impostare i pulsanti con “Z” e “D” ed ottenere lo zoom dinamico su DraftSight con la combinazione “Z+invio+D+invio”; appare così il cursore con la lente di ingrandimento dinamico e quindi è possibile procedere con lo zoom dinamico agendo da iPad.

E’ chiaro che l’app non è stata pensata per l’utilizzo con software cad: app specificatamente progettate per questo utilizzo come CAD Pocket (resuscitato dal mio articolo e riscoperto efficiente, tornando alle funzionalità che me lo avevano fatto apprezzare), hanno uno zoom vettoriale naturale (pinch to zoom in/out), una barra degli strumenti di disegno sempre a disposizione nel lato inferiore ed un zoom di ingrandimento che si attiva mentre di utilizza un comando di disegno, utile per centrare lo snap esatto dell’oggetto. Più veloce, più intuitivo, più produttivo.

Giusto per rimanere in tema di Lamborghini fuori pista, ho pensato bene di provarne l’utilizzo con Gimp: il mio utilizzo è limitato al fotoritocco, ben lontano dagli utilizzi ad alto livello visti nel video di presentazione di Astropad.

Le shortcut di default (adatte a Photoshop) sono diverse rispetto a quelle di Gimp: impostando le shortcut su Astropad con quelle di Gimp, i comandi funzionano correttamente. Per esempio, impostando “P” per richiamare lo strumento pennello, viene correttamente eseguito; quando però cerco di tracciare una pennellata, stranamente lo strumento passa ad aerografo. Inoltre, lo zoom vettoriale non funziona correttamente perché il pinch to zoom interviene sulla gradazione di opacità dello strumento. In compenso il pan a due dita funziona correttamente. E’ chiaro che qui il limite è dovuto al particolare funzionamento di Gimp e non da Astropad.

Astropad Gimp

In conclusione, non è un’applicazione che può entrare nel mio workflow per il semplice motivo che il mio utilizzo è su percorsi di prova speciale di rally e questa Lamborghini è più adatta ai grafici professionisti, ai quali è espressamente rivolta, meglio se usata con stylus adatte.

Inoltre, volevo ringraziare i due sviluppatori dell’app che si sono rivelati sempre gentili e disponibili, con interazioni sia via Twitter, sia via posta elettronica.

In ogni caso, sottolineo l’idea geniale dietro a questa app, ben fatta e con un’interfaccia curata. Senza considerare che tramite di essa, OS X diventa touch. Chissà se Apple…

Sorpresa! ZWCad Touch per iPad diventa CAD-Pockets.

Novitá nell’ultimo aggiornamento dell’app ZWCAD Touch, di cui riporto per brevità lo screenshot del change log, per arrivare velocemente alle questioni pratiche.

CAD-Pockets_Novità

Al di là delle novitá introdotte, l’aggiornamento porta in dote un “problema” di collegamento con la propria cartella Dropbox, che restituisce il seguente messaggio di errore:

CAD-Pockets_Errore_collegamento_Dropbox

Se a questo “problema” si aggiunge l’impossibilità di creare nuovi file, l’app risulta di fatto inutilizzabile in mobilità. Non prendo in considerazione (e nemmeno ho intenzione di provare) l’opzione di caricare i file via iTunes collegando l’iPad al portatile.

Non so se sono l’unico ad avere questo problema, ma l’icona dell’app in questo momento sta tremando e il mio dito si avvicina pericolosamente alla “x” per eliminarla dall’iPad…

ZWCad Touch 1.3.5.

E’ stata rilasciata il giorno 14 c.m. la versione 1.3.5. di ZWCad Touch, l’app gratuita di Cad per iOs: l’upgrade porta in dote all’applicazione lo strumento SmartPen ed il supporto per il servizio cloud Box.

Di seguito l’elenco completo delle migliorie.

Immagine

Cad ed iOS

Ho avuto modo di saggiare l’iPad Air in mobilità per lavoro: l’occasione è nata a causa della richiesta di modifica della disposizione dei sanitari del bagno dell’alloggio di cui si sarebbe firmato il compromesso il giorno dopo. “Poco importa” che il sottoscritto fosse fuori sede in vacanza: ogni occasione ė buona per usare l’iPad!

Quindi sfodero il mio tablet con già installata l’app Autocad 360, gratuita, di cui però non ho ancora avuto l’occasione di usarla. Entusiasta di mettere alla prova il nuovo acquisto per un reale caso di necessità lavorativa lancio per la prima volta l’app Autocad 360.

Collego la mia Dropbox: ok!

Apro il file che mi interessa: ok!

Inizio a modificare la disposizione dei sanitari utilizzando gli strumenti di modifica: non ė possibile modificare file che non sono salvati in locale.

Ma cosa mi serve un’app per dispositivi mobili che non può aprire file che non sono disponibili in locale? Semplice: ad acquistare la versione “Pro” di Autocad 360 che invece lo permette.

Quindi che faccio?

Upgrade a pagamento?

Una vocina intanto mi sussurrava “C’è un’app per tutto!”…

Apro l’App Store, chiave di ricerca “dwg”: primo risultato, ovvio, Autocad 360.

Il secondo è ZWCAD Touch della software house ZWCAD Software Co. Ltd.

Scarico ed installo.

Collego la mia Dropbox con il tasto “aggiungi servizio” (oltre a Drobox posso aggiungere GoogleDrive e SkyDrive) e scopro che posso collegarne anche una seconda (e penso anche molte altre!) le quali compariranno nella lista “cartelle cloud” facilitando di molto l’apertura dei file sui vari servizi e quindi la collaborazione.

ZWCAD_Touch_Cartelle_Cloud

Navigo con il file manager integrato fino al file di mio interesse e lo apro.

Prima cosa che noto é che la visualizzazione é perfetta! Con Autocad 360 alcune linee, come ad esempio il quarto di cerchio con linea tratteggiata che simula l’ingrombo dell’apertura della porta, non venivano correttamente visualizzate. Sono stato gentile: Autocad 360 non le visualizzava per niente! E qui inizia a comparire un accenno di sorriso sul mio volto. Nell’immagine seguente ho aperto un file di esempio giusto per dare l’idea.

ZWCAD_Touch_File_dwg_aperto

Bene, ora non rimane che provare a modificare il disegno, la parte fondamentale della mia sfida in mobilità: mi deluderà?

Con un piccolo sforzo di apprendimento relativo alle gesture ovviamente diverse e nuove da quelle che normalmente utilizzo col mouse, la modifica è risultata semplice e veloce. Gli strumenti di modifica principali ci sono tutti.

ZWCAD_Touch_Strtumenti_Modifica

Inoltre il layout impostato sul disegno era stato correttamente visualizzato. E qui il sorriso è diventato il proverbiale a 32 denti.

Ma come faccio a trasmettere le soluzioni all’ufficio che non utilizza Autocad? L’app ZWCAD Touch permette di esportare ciò che vedo a video come immagine, che verrà salvata nel rullino foto di iOS. A causa della fretta non sono riuscito a scoprire se è l’esportare in scala, ma direi di no, visto che non esiste una finestra con le opzioni di stampa.

ZWCAD_Touch_Esporta

Questa App mi ha salvato la giornata (e molte altre ancora!) e consiglio a chiunque di installarla sul proprio dispositivo immediatamente e di buttare nel cestino Autocad 360.

Ah, “piccolo” particolare: ZWCAD Touch è gratuita. Buon download!